Gennaio 21

J. S. Bach, cantate con assolo per violoncello piccolo – parte 3

Solo un paio di mesi e il violoncello piccolo si fa vivo di nuovo, maturo nella voce e nel ruolo!

È il capodanno del 1725 a Lipsia e J. S. Bach propone una grande cantata festiva, la BWV 41, con trombe, oboi, timpani, archi e violoncello piccolo solo. È la terza volta che Bach usa il violoncello piccolo in una cantata. Solo un paio di mesi dopo BWV 180 e 115 (purtroppo i numeri di catalogo BWV non sono in ordine cronologico), la scrittura e l'esecuzione di questo strumento sembra essere maturata.

Violoncello piccolo nelle cantate di Bach

A questo link puoi trovare la partitura olografica originale e le parti moderne da scaricare gratuitamente

In questa cantata la parte del "violoncello piccolo solo" è nella parte di primo violino, scritta in chiave di violino (ottava bassa). Quindi, in pratica, leggi una chiave di violino con uno strumento che ha le corde vuote del violino ma un'ottava più bassa. Mi pare evidente che ciò significhi che è stato suonato dal violinista dal suo posto, cambiando strumento per quest'aria.

Lo stile di scrittura è violinistico. Ha molti salti da una corda all'altra, non adiacenti, per questo più impegnativo rispetto alla parte del BWV 180, dove i salti coinvolgevano corde adiacenti, e mostra che il musicista aveva un maggiore controllo sul suono. Direi anche che lo stesso Bach era fiducioso che anche le corde basse avrebbero suonato abbastanza bene. Ci sono spesso scale discendenti veloci e confuse che toccano anche la quarta e la quinta corda. Tuttavia, la maggior parte delle note sono sulle prime tre corde. Il range utilizzato è quello intero che si può suonare in prima posizione: da C2 a B5.

Parte per violoncello piccolo nelle cantate di bach

Nonostante quei numerosi incroci di archi, la parte è molto lirica.

Ecco una traduzione in italiano del testo:

«Proprio come hai offerto una nobile pace
per la nostra nazione e per noi,
per questo concedi all'anima la tua parola che ci rende beati.
Se incontriamo la tua salvezza,
allora siamo benedetti qui sulla terra
e il popolo eletto là in cielo!»

Il resto del testo riguarda l'inizio di un nuovo anno e una preghiera affinché lo finiamo come l'abbiamo iniziato, gioendo e in salute. Quest'aria dà inizio a un momento di riflessione, preghiera e gratitudine per le benedizioni che possiamo ricevere. Questa aria di tenore porta all'aria di basso, che ricorda i nemici e i mali che tutti dobbiamo affrontare e che possiamo sconfiggere solo con l'aiuto di Dio e grazie al sacrificio di Gesù. La fine della cantata è di nuovo un coro festoso, che celebra la gratitudine, l'obbedienza e l'accettazione di ciò che Dio ci manderà, sperando che questo significhi un buon anno.

Quindi il violoncello piccolo è lo strumento che ci porta dalla semplice celebrazione alla riflessione intima e al dialogo con Dio. Ha per la prima volta un vero ruolo solistico e Bach sembra apprezzare la sua voce, non forzata come farebbe un grande violoncello su questi passaggi acuti, e anche la sua “agilità”, nei salti alle diverse corde, tipica scrittura violinistica.

Bach disegnato da daniela gaidano

Anche questa volta non sono riuscita a trovare un video con il violoncello da Spalla. Qui la versione di Masaaki Suzuki, Hidemi Suzuki al violoncello piccolo.

Per le due Cantate precedenti:

J. S. Bach e il suo primo assolo per violoncello piccolo
J. S Bach ci ha lasciato nove Cantate con assoli per violoncello piccolo. La prima in ordine cronologico è la cantata BWV 180, il cui titolo significa grosso modo “Splendi, anima mia”, e fu eseguita per la prima volta il 22 ottobre 1724, precisamente per la 20a domenica dopo la Trinità. Questo è stato il secondo anno a Lipsia per Bach...

leggi di più

J. S. Bach, cantate con assolo per violoncello piccolo - parte 2
Segue dal 5 novembre 1724 la seconda apparizione del violoncello piccolo nelle cantate di Bach, appena due settimane dopo il suo debutto. È nella cantata “Mache dich, mein Geist, bereit” (Preparati, anima mia) BWV 115, composta per la 22a domenica dopo la trinità. Anche questa volta è un'aria da soprano...

leggi di più

Ulteriori letture

Per uno studio dettagliato sul violoncello piccolo nelle Cantate di Bach, leggi Koji Otsuki “J. Il violoncello piccolo di S. Bach”, Indiana University, 2020


Novità dal mondo da Spalla

Il signor Yutaka Kaga sta per suonare il concerto di Vivaldi per violoncello RV 419 in la minore! Era in programma anche il 3° Concerto Brandeburghese, ma purtroppo sarà posticipato ad un altro concerto, per motivi di salute di alcuni interpreti.


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

Ci siamo quasi, ma non ancora! C'è un'incredibile quantità di dettagli che richiedono così tanto tempo! Inoltre, in queste ultime due settimane Alessandro è stato inaspettatamente chiamato a suonare da primo flauto nella sua orchestra, quindi non ha potuto dedicare molto tempo al suo lavoro. Tuttavia penso che ora ci manchino “solo” anima, ponte, piroli…. In più tutti quei piccoli dettagli! 

Finitura violoncello da spalla

Restate sintonizzati per sentire come suonano!!


Video in primo piano della settimana

Goditi questo Menuetto elegante e giocoso dal concerto per violoncello di Gulda. E puoi trovare anche gli altri movimenti, nel canale YouTube di Sergey Malov!

Enter your text here...


Tags

bach, esecuzione, repertorio, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Tesori da Markneukirchen parte 3

Tesori da Markneukirchen parte 3
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350