Gennaio 29

Spalla, violoncello, Violoncello da Spalla… l’iconografia può venire in aiuto?

Intervista a Barry Pearce

Il Violoncello da Spalla fino a poco fa era considerato licenza artistica per affreschi di chiese o schizzi di gruppi musicali.

Iconografia violoncello da spalla

Bsip 2749 e Bsip 3357, clicca sui link per conoscere i dettagli

La rinascita dello strumento musicale suonabile che usiamo oggi ha le sue radici dalla viola pomposa di Bach di cui ci sono poche prove iconografiche. Tuttavia, ci sono anche alcuni strumenti sopravvissuti nei musei.

Iconografia violoncello da spalla

Bsip3327, ecco come appare nel database online

La viola pomposa e/o il violoncello piccolo di Bach hanno le loro radici nel violoncello italiano ed è qui che l'iconografia entra nella nostra storia, non più una "licenza", ma forse come una prova di qualcosa. E poiché allora c'era poca standardizzazione, sembra un coro che ci urla contro, e siamo facilmente presi dall'entusiasmo.

Personalmente amo l'entusiasmo. Amo essere entusiasta di qualcosa e odio quando devo smorzare l'entusiasmo di qualcun altro. Perché una cosa sta gridando: ehi, guarda questo! E un altro per prenderli come prova nella ricerca. Succede così spesso quando si parla di Violoncello da Spalla. Poiché Spalla è stato il prodotto di una lunga evoluzione e quella che conosciamo oggi è stata suonata per poco tempo, probabilmente qualcosa come 50 anni, poi abbandonata, bisogna stare molto attenti: quando portiamo avanti un'iconografia, apprezziamo il “ vero” strumento, la posizione di esecuzione, le dimensioni...?

Dopo tanti anni di sofferenza per i violoncellisti che ci urlavano contro che suonare da Spalla è semplicemente ridicolo, l'entusiasmo per ogni iconografia da Spalla, non importa la dimensione (se è più grande è meglio!) o il tempo, sembra inevitabile. Ho pensato che sarebbe stato utile chiedere a Barry Pearce, musicista, ricercatore ed esperto di iconografia, una “lista di controllo”.

Parlando nello specifico del Violoncello da Spalla cosa dovremmo controllare prima di gridare: “Evviva, ho la perfetta iconografia del Violoncello da Spalla”?

L'iconografia è molto più complessa di quanto potremmo pensare a prima vista e utilizzarla efficacemente richiede uno sforzo concertato. Quello che stiamo effettivamente cercando di fare è determinare informazioni su oggetti reali attraverso le raffigurazioni di un'altra persona e poi interpretate da noi. La stragrande maggioranza delle volte stiamo tentando di usare l'iconografia in un modo che non è mai stato concepito per essere usato. Prima di tutto, prima di affrontare l'iconografia, dobbiamo davvero capire l'anello più debole del processo, cioè noi: gli osservatori. A meno che non si comprenda l'epistemologia di base (come acquisiamo conoscenza) e la psicologia cognitiva (come elaboriamo le informazioni e prendiamo decisioni), saremo inconsapevolmente governati da un sistema imperfetto. Ad esempio quasi ogni volta che viene utilizzata l'iconografia qualcuno elencherà tutti i problemi fino alla nausea, la maggior parte dei quali sono possibilità, non certezze. Questo è spesso incentrato sull'idea di "fiducia" che è di per sé altamente problematica! Tuttavia quando ci occupiamo di strumenti esistenti è meno comune che vengano menzionati problemi, e quando discutiamo di trattati non si fa quasi menzione di alcun problema con la fonte. Sono spesso presi come fatti in cui dobbiamo solo accertarne il significato poiché la lingua è cambiata. Già questa distorsione del modo in cui trattiamo le prove storiche mostra un pregiudizio. Il nostro linguaggio fornisce indicazioni su come stiamo elaborando le informazioni, ad esempio affermando che alcuni aspetti sono "giusti" o "sbagliati". Eppure per ottenere il bene o il male stiamo facendo un confronto. Siamo certi che la conoscenza che utilizziamo per prendere queste decisioni sia basata sullo stesso rigore a cui sottoponiamo l'iconografia? Su cosa si basa la nostra conoscenza? Un libro ce lo ha detto? È abbastanza buono? Qual era la base per le affermazioni nel libro? e così via. Questo è il motivo per cui l'uso dell'iconografia è incredibilmente interessante e non abbiamo nemmeno iniziato a occuparci delle rappresentazioni reali!

...perché il tempo (e il luogo) dovrebbero essere così importanti? Il fatto che ci fossero strumenti da Spalla nel 1500 o nel 1900 non è una prova che il Violoncello da Spalla esistesse anche al tempo di Bach?

Sembra che ogni iconografia che troviamo abbia qualcosa che non va: può essere la dimensione, la mancanza di termini di confronto affidabili, la posizione dell'inchino, il tempo o il luogo! Torniamo all'idea di licenza artistica, e niente di provato? Credi nell'iconografia come possibile prova, o è solo qualcosa per accendere la nostra curiosità e magari sollevare domande?

Naturalmente dobbiamo trattare l'iconografia con lo stesso rigore con cui trattiamo tutte le testimonianze storiche. Esistono numerosi approcci e l'approccio utilizzato dipende dalla risposta che si cerca. Per me c'è una domanda fondamentale. Dato l'ignoto, come possiamo dargli un senso? Questa può sembrare una domanda filosofica non correlata, ma è di vitale importanza. Prendi licenza artistica. Come decidiamo che qualcosa è licenza artistica? Abbiamo confrontato ciò che è stato raffigurato e abbiamo scoperto che non corrisponde a ciò che già "sappiamo". Parte di ciò che sappiamo potrebbe essere ben fondato, come le leggi della fisica. Ma per quanto riguarda le posture? tiene l'arco? Dimensioni degli strumenti? Come facciamo a sapere che un arco è una licenza artistica? Si può mai sapere quando si richiede la licenza artistica? Oppure lo usiamo semplicemente per rifiutare caratteristiche che non corrispondono alle nostre conoscenze esistenti, il che è un pregiudizio cognitivo che entra in gioco! Se lasciamo che questi pregiudizi regnino non impareremo mai nulla di nuovo perché tutto ciò che verrà messo in discussione sarà rifiutato. Naturalmente la licenza artistica è solo un modo per etichettare l'invenzione. Tuttavia, ci sono diversi tipi di invenzione e quei tipi di invenzioni cambiano nel tempo. Naturalmente l'invenzione può essere avvenuta o meno. La domanda è come fai a sapere se c’è o non c’è?

Penso che l'iconografia contenga delle verità? Assolutamente! Tuttavia a causa del filtraggio attraverso gli artisti e noi stessi (gli osservatori!) non è necessariamente facile trovare queste verità. Penso che sia raro trovare una rappresentazione che si possa accettare come specchio della realtà. Alcune verità sono ovviamente al di là dei regni dell'iconografia, ma penso che possiamo cercare di ottenere quante più informazioni possibili. Anche i disegni delle persone attaccate possono produrre alcune verità - ovviamente potrebbero non contenere alcuna informazione sulle verità particolari che si cercano!

Dire che qualcosa è un violoncello da spalla, è classificare. La classificazione è un altro argomento complesso e i criteri utilizzati possono alterare radicalmente la nostra comprensione degli strumenti e della storia. Prendi la postura da spalla. Quali sono i criteri che costituiscono una posizione di esecuzione da spalla? Tutte le variazioni dovrebbero essere trattate come uguali? Queste domande iniziano a occuparsi dell'aggregazione e possono causare la quantizzazione. Prendi un violoncello. Sappiamo tutti cosa intendiamo per violoncello... o almeno credo di sì. Quali sono i criteri per definire un violoncello? Quanto dobbiamo modificare prima di non classificarlo più come violoncello. Confronta questo con il violoncello da spalla. Quanto sono diversi i criteri? Ci sono casi crossover? Come dovremmo affrontarli?
Mi piacerebbe poter fornire una lista di controllo per lavorare con l'iconografia, ma usare correttamente l'iconografia richiede molto di più.

Iconografia violoncello da spalla

Ecco come si presenta a Bsip l'affresco della voce Crema: “Con questi affreschi 

odio il modo in cui si vedono sempre e solo i dettagli ritagliati.

Con tutte queste chiese ho cercato di individuare le foto che mostrano la posizione completa,

quindi in base alla voce BSIP puoi letteralmente entrare nella costruzione e *sapere* dove si trova l'iconografia!

Per favore, dicci di più sul tuo BSIP (Bowed Strings Iconography Project). Perché l'hai iniziato?

BSIP è nato dalla frustrazione. Quando ho iniziato a fare ricerca, il problema di ricreare un set di dati da una tesi o un libro di dottorato era, ed è tuttora, sorprendentemente difficile. La solita citazione di un'opera d'arte non riesce a produrre risultati e spesso si limita a fornire accenni alle fonti, alcune delle quali impossibili da risolvere. Le attribuzioni cambiano, molte opere d'arte vengono vendute all'asta e persino le pagine delle aste del sito Web vengono rimosse. Riferimenti come Anonimo, Madonna con Bambino, XV secolo, Spagna, non sono ricercabili su Internet e impossibili da confermare senza un'immagine. Ho deciso di fare la differenza e di pubblicare completamente il mio set di dati. Allo stesso tempo, ho deciso di risolvere il problema di referenziazione/citazione progettando riferimenti BSIP. Questi riferimenti non solo identificano in modo univoco una determinata opera d'arte, ma possono anche essere utilizzati per specificare un arco, uno strumento o un musicista specifico, un'immagine specifica all'interno di una fonte e persino una rappresentazione specifica dello strumento mostrata su un'immagine specifica. Insieme ci sono tre importanti vantaggi per la ricerca; lo sforzo può essere speso per fare ricerche reali invece di essere sprecato per trovare fonti che sono state trovate centinaia di volte prima da altri ricercatori e per rendere la ricerca più ripetibile, in particolare dove vengono utilizzati sondaggi iconografici, e le citazioni che includono riferimenti BSIP sono garantite per risolvere alle immagini della fonte.

Che cos'è esattamente, come lo definiresti?

Il progetto stesso mira davvero a migliorare la ricerca sulla storia degli strumenti ad arco. Il database BSIP è un passo verso un corpus unificato (che naturalmente sarà sempre incompleto!). Il database a sua volta supporta la referenziazione BSIP per migliorare la referenziazione/citazione. Il progetto è qualcosa di più di un semplice catalogo. Sono fortemente influenzato dalla scienza ed in particolare dalla Open Science. La scienza aperta e i principi che racchiude (come Open Data e Open Access) stanno trovando supporto nelle arti e nelle discipline umanistiche. A volte è chiamata borsa di studio aperta in riconoscimento della più ampia applicazione dei principi guida. BSIP promuove questi principi. Credo nel dare l'esempio, quindi sto lentamente pubblicando il mio set di dati di oltre 17000 fonti.

Come possiamo partecipare e utilizzarlo?

Il database è online ed è ad accesso libero (Open Access). Il riferimento BSIP può essere utilizzato per migliorare i riferimenti/citazioni e vorrei incoraggiare l'inclusione del riferimento BSIP nell'elenco delle fonti. Il sistema di database BSIP (noto come IRP - Iconography Research Platform) è progettato per più curatori e certamente accolgo con favore ricercatori che la pensano allo stesso modo che sono disposti ad aiutare a catalogare le fonti e/o condividere i loro set di dati tramite il database. La mia visione finale è quella di avere una comunità di ricercatori-curatori di tutto il mondo che condividono le fonti della loro regione.

Se ho una fonte e voglio citare il riferimento Bsip, ma non ne so molto, come posso fare?

Ci sono due modi per ottenere informazioni. Isola l'immagine ed esegui una ricerca di immagini inversa su Google: questo potrebbe fornire le informazioni su chi/cosa/dove. E ovviamente c'è sempre la possibilità di darmi un grido!

Quello che è online ora è più o meno il 20% dell'iconografia che ho. Ho scritto una ricerca specialistica che cercherà tutte le immagini in base a un frammento - non deve nemmeno essere esatto - utilizzo tecniche che sono davvero valide a far corrispondere. Questo richiede 5 minuti per l'esecuzione su un computer a 4 core, quindi non ho messo questa struttura online.

Quando ne avrò la possibilità spero di svilupparlo usando una tecnica aggiuntiva che non lo renderà così preciso ma lo renderà molto più veloce e leggero sui processori, quindi potrò mettere online una ricerca inversa delle immagini. Se ci sono fonti che vuoi citare per consentire alle persone di accedere ai record, posso anche essere spinto e metterò rapidamente la fonte online - l'ho fatto proprio questa settimana per Loren Ludwig per il quale mi si chiedeva se conoscevo una fonte e volevo immagini/informazioni migliori . Questi sono i tipi di partite che posso fare! Potresti riconoscere questi! 🙂

Iconografia violoncello da spalla

Questo tipo di ricerca non può essere eseguito su Google, quindi ho scritto del software, ma fare queste cose su 27000 immagini richiede alcuni minuti del PC in esecuzione al massimo!

E se mi accorgo di avere un'immagine migliore di quella nel database?

Ho una politica secondo cui è meglio catalogare qualcosa anche se abbiamo solo immagini scadenti, quindi è almeno noto. Quindi si spera che nel tempo, mentre le persone visitano questi vari luoghi, possiamo migliorare le immagini - e man mano che la fotografia avanza e otteniamo immagini a risoluzione sempre più elevata, il database BSIP continuerà a tenere il passo - Supporto già le immagini gigapixel:

https://bsip.org.uk/articles/series-showcase/supersized-images

BSIP è progettato per il lungo termine e prevede miglioramenti nelle immagini.

Non è impressionante? Il progetto avviato da Barry è così grande che non può essere pronto e realizzato in poco tempo! Ha fatto così tanto che sente già di avere una squadra che lavora con lui, ma non lo ha fatto. Ci auguriamo che ciò possa accadere presto! Prendete questo come un invito a ricercatori che la pensano allo stesso modo!

Disegno daniela gaidano

"La stragrande maggioranza delle volte stiamo tentando di utilizzare l'iconografia

in un modo in cui non è mai stata concepita per essere utilizzata".


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

Questa settimana hanno finalmente suonato entrambi! Nonostante ciò per adesso ho poco da condividere. Ho fatto una rapida registrazione video poi sono andata avanti. Ho nuovamente smontato lo strumento per poter iniziare il processo di verniciatura prima di andare a trovare i miei genitori, la prossima settimana. Sono molto felice di questo violoncello! Oggi ho suonato le prime note anche con quello di Alessandro, che promette di avere una voce stupenda e potente. Non ho avuto il tempo di registrare nulla, quindi condividerò più tardi.

La grande novità di questa settimana è che Alessandro è andato in pensione dall'orchestra dopo 44 anni di servizio. Ci sono state molte celebrazioni ed è stata una settimana emotivamente intensa. La festa più bella è stata suonare i nostri nuovi strumenti e investire sulla carriera da liutaio!

Alessandro visintini in pensione dall’orchestra haydn

Alessandro riceve gli applausi dei suoi colleghi al suo ultimo concerto con l'Orchestra Haydn a Trento


Video in primo piano della settimana

Goditi della nuova musica scritta appositamente per Violoncello da Spalla! Da Taipei!

Enter your text here...


Tags

Immagini, interpretazione, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Tesori da Markneukirchen parte 3

Tesori da Markneukirchen parte 3
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350