Gennaio 7

Cantate di J. S. Bach con assoli per violoncello piccolo – parte 2

Mancano solo due settimane e il violoncello piccolo torna, questa volta a colori!

Il 5 novembre 1724 è la data della seconda apparizione del violoncello piccolo nelle cantate di Bach, appena due settimane dopo il suo debutto. È nella cantata “Mache dich, mein Geist, bereit” (Preparati, anima mia) BWV 115, composta per la 22.a domenica dopo la trinità. Anche questa volta è un'aria per soprano.

Bach aria con violoncello piccolo solista

Il quarto numero è un'aria per flauto, violoncello piccolo e soprano. È un Molto Adagio e il flauto e il violoncello duettano su una parte melodica, spesso nella stessa estensione. In un caso il violoncello è più alto del flauto. Il violoncello piccolo ha qui un proprio ruolo solistico, non più una parte di accompagnamento di un assolo.

Questa volta, contrariamente al BWV 180, Bach usa tutte le corde, anche il C, e questo solo due settimane dopo la prima apparizione, in cui le due corde inferiori non erano praticamente utilizzate. Anche il flauto è usato in tutta la sua estensione, arrivando alle note più basse. Le corde basse del violoncello vengono utilizzate o raggiungendole per scale discendenti, in coppie di note legate, o unendo il continuo in una cadenza. Quando il soprano duetta con il flauto, durante le cadenze, il soprano chiude con il flauto mentre il violoncello si unisce al continuo. In questo modo il violoncello e il soprano si alternano nel loro dialogo con il flauto, poiché si trattava di parole dette e non dette provenienti dallo stesso personaggio. La parte non detta, quella intima ed emotiva, è data allo strumento.

Le parti melodiche del flauto e del violoncello spesso includono un intervallo di sesta minore a guisa di singhiozzo (exclamatio, tecnicamente parlando). Il lamento è dato agli strumenti delle “parole non dette”.

Johann Sebastian bach disegno daniela gaidano

J.S. Bach in quest'aria utilizza l'intera estensione dello strumento, dal C#2 basso della quinta corda, al C5 acuto, terza posizione della prima corda. Nelle due notevoli fonti rimaste, la chiave di partenza è quella di contralto (per il manoscritto di Cambridge) o basso (nel manoscritto di Berlino, che è una partitura copiata dalla serie originale di parti separate ma perse).

Questo è l'unico video che ho trovato su YouTube utilizzando un Violoncello da Spalla. Se ne conosci un altro, aggiungi il link nei commenti qui sotto. La nostra aria è a 14'42

Puoi trovare maggiori informazioni sulle Cantate di Bach nel lavoro dettagliato di Koji Otsuki qui.


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

Questa settimana ci siamo rilassati. Non basta dire che ci siamo goduti una vacanza, semplicemente siamo andati a fare un paio di passeggiate, abbiamo visto degli amici, abbiamo ricominciato a suonare insieme. Abbiamo lavorato ogni giorno sui nostri strumenti ma per preparare le parti, quindi niente di entusiasmante da mostrare. Stiamo realizzando la cordiera e la tastiera. La tastiera ha un nucleo in abete, fasce in acero e impiallacciatura in ebano. La cordiera è semplicemente in legno duro con impiallacciatura di ebano, ma ha una sella per evitare angoli eccessivi nel caso si voglia utilizzare corde moderne.

Liutai in vacanza

Stendere un'impiallacciatura di ebano per incollarla su una tastiera è qualcosa che si realizza in cucina, 

perché è necessario mantenerla calda e bagnata.

Questa settimana ho ricominciato a studiare. Non praticavo dallo scorso luglio e non studio con regolarità da tre anni o forse di più! Ho deciso di esercitarmi sul Violoncello da Spalla, poiché ho bisogno di acquisire maggiore sicurezza nel leggere diverse chiavi e suonare su cinque corde senza doverle guardare ed ho bisogno di tornare a un livello professionale, quindi l'unico modo è esercitarmi! Ho colto l'indizio di Hilary Hahn che ha iniziato il suo quinto round di #100daysofpractice e mi sono unita, quindi se vuoi vedere cosa posso fare con i miei sforzi di 20 minuti al giorno, pubblico alcune battute su instagam ogni giorno. Ancora meglio se vuoi unirti! non si tratta di esercitarsi per 100 giorni consecutivi, ma di trovare il nostro momento di calma per esercitarci ogni giorno e fare il nostro piccolo passo per andare un po' più lontano. Si tratta più di autoconvinzione che di auto-pressione.


Video in primo piano della settimana

Ancora Bach. Non ce n’è mai abbastanza di Bach!


Tags

bach, esecuzione, repertorio, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Tesori da Markneukirchen parte 3

Tesori da Markneukirchen parte 3
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350