Aprile 30

Da capitani mercenari a impresari teatrali

con alcune notizie da Vienna

A volte inizi quella che sembra una ricerca eccitante e poi scopri che non c'è niente di più di quello che già sapevi. Siamo andati a Vienna con il progetto di vedere il piccolo violoncello della collezione del Catajo. Ma sfortunatamente non era in mostra e il curatore era troppo impegnato (da mesi!) per accordarci un incontro. Come se non bastasse, al Kunsthistorisches Museum di Vienna è rimasto un solo curatore per l'intera collezione, ed è un esperto di fiati…

Quindi la mia speranza per la newsletter di questa settimana era di condividere con voi lo stato di un vecchio strumento, potenzialmente un piccolo violoncello da spalla, i segni di utilizzo, se sembrava originale o meno. Invece posso solo condividere le ipotesi che mi hanno portato lì.

A seguito dell'articolo di Agnes Kory “Violino tenore o violoncello tenore” e delle ricerche di Antonino Airenti c'è un forte legame tra la musica nel manoscritto estense della Biblioteca nazionale austriaca, un violoncello e un arco nella collezione del Kunsthistorisches Museum, tutti appartenenti all'eredità estense che proviene dal castello del Catajo vicino a Padova.

Castello del Catajo padova

Il Castello del Catajo vicino a Padova (Italia)

La storia del castello del Catajo e della famiglia Obizzi è più che affascinante. Gli Obizzi erano capitani mercenari, proprietari di un forte esercito, che si arricchirono grazie ai matrimoni con facoltose ereditiere. Per mostrare la loro ricchezza costruirono questo grande palazzo che si chiama castello del Catajo, vicino a Padova, e raccolsero molti oggetti diversi: monete, libri, dipinti e altri oggetti d'arte. Avevano una galleria e stanze dedicate all'esposizione delle loro collezioni per stupire i loro ospiti.

Alla morte di Tommaso, ultimo Obizzi, tutti i loro lasciti andarono agli Este Duchi di Modena e da loro agli Asburgo. Questo patrimonio comprendeva i manoscritti estensi, una raccolta di musica da camera con molte sonate per violoncello ancora inedite e la raccolta di strumenti musicali.

Il manoscritto presenta diverse sonate per violoncello, la maggior parte delle quali non utilizza mai la corda Do e risulta suonabile in prima posizione se lo strumento è accordato GDAE. Opere di Antonio Maria Bononcini, Antonio Caldara, Evaristo Felice Dall'Abaco, Domenico Dalla Bella per violoncello sono assieme a diverse sonate per violino. È in questi manoscritti che troviamo le dieci sonate per violino di Dall'Abaco, con l'ultima “ma violotto”.

La collezione di strumenti musicali comprende un violoncello piccolo, 56 cm di corpo, fasce di 6 cm (quindi, seguendo proporzioni più da viola molto grande), catalogato SAM 103, e un bellissimo archetto in ebano con ala a clip, SAM 077.

Strumenti della collezione del Catajo al Kunsthistorisches Museum di Vienna

A Giovanni D'Andrea lira da braccio (Verona 1511), il Gasparo tenor gamba (Brescia 1580),

alcuni graziosi fori di fiamma, e la collezione di archi provenienti dal castello del Catajo,

il SAM 077 è il secondo dall'alto.

Tuttavia, leggendo più a fondo la storia di questa collezione e della famiglia Obizzi, è impossibile dire altro. La collezione fu spostata più volte nel corso dell'Ottocento, prima a Vienna, poi probabilmente a Modena e poi ancora a Vienna. A volte i manoscritti sembrano essere in possesso della famiglia Sanguinazzo a Padova, comprese opere composte da Nicolò Sanguinazzo, violinista, violoncellista e compositore dilettante. In realtà, penso che la raccolta di musica da camera con tutte queste opere di famosi compositori possa essere stata realizzata su commissione del Sanguinazzo e successivamente acquisita dagli Obizzi. Quindi nessuna relazione con gli strumenti può essere provata.

Ad ogni trasferimento della collezione si sarebbe potuto aggiungere o sottrarre qualsiasi cosa. Gli elenchi sono vaghi, tipo: “violini, viole e violonzelli”, una “collezione di archi”, niente nomi, niente etichette. Gli elenchi di anni diversi non si adattano. Gli strumenti a corda della collezione provengono principalmente da produttori della regione tra Brescia, Venezia e Füssen, quindi un violoncello tedesco come il Sam 103 non è proprio adatto. Tuttavia, è Anonymous, come lo sono altri strumenti negli elenchi.

La parte emozionante della storia di Obizzi, tuttavia, è ciò che accadde tra l'inizio del 17° secolo e la fine del 18° secolo. Se sai leggere l'italiano, devi leggere questo articolo di Alessandra Chiarelli: “Gli Obizzi e la musica nel lascito di Tommaso” (a questo link, a pagina 117).

Pio Enea II degli Obizzi era un impresario teatrale. Fece costruire nel castello un piccolo teatro, un anfiteatro coperto con un palcoscenico e 16 gradini per il pubblico. Non ci sono prove del suo utilizzo, probabilmente per musica da camera e concerti privati. Organizzatore di “tornei”, grandi spettacoli con risse, prodezze atletiche, intermezzi teatrali e musicali. Ebbe molto successo. Le sue esibizioni furono richieste a Venezia, Bologna, Ferrara e Torino. A Ferrara e a Padova aprì due teatri che avrebbero continuato la loro attività fino alla metà dell'Ottocento. Ferdinando Obizzi, che assunse la direzione dei teatri nel 1710, fu autore di drammi e commedie. Utilizzò ampiamente il piccolo teatro del Catajo per promuovere le sue opere in rappresentazioni private delle sue produzioni, alle quali furono invitati altri gestori. Nei teatri di famiglia di Padova e Ferrara furono rappresentate diverse opere, ed egli fu al centro della polemica sulla riforma del teatro. Per lui Gluck era troppo teatrale! Fu amico di Tartini e Farinelli, e rappresentò opere con musiche di Galuppi, Piccinni, Iommelli e parole di Metastasio, Alfieri, Diderot.

Riguardo alla sua collezione di musica, sappiamo, da una descrizione del teatro Catajo riportata all'inizio del XX secolo, che nel 1669 le pareti del teatro erano tutte ricoperte da armadi pieni di ogni sorta di manoscritti musicali e strumenti musicali. Tuttavia, nella collezione estense a Vienna non c'è musica teatrale. A proposito degli strumenti, Beatrix Darmstaedter scrive che quelli che provenivano dal Catajo erano principalmente strumenti a fiato. Quindi, la situazione è molto confusa.

Utrecht, agosto 2019, con Rudolf Hopfner e Richard Guilt

Utrecht, agosto 2019, con Rudolf Hopfner e Richard Guilt (provando il nostro n.1)

Inoltre, due anni fa ad Utrecht, ho assistito a una conferenza dell'ex curatore degli strumenti ad arco della collezione di Vienna, Rudolf Hopfner, in cui spiegava che la collezione del Catajo soffriva non solo dei suoi movimenti "animati", ma anche di un membro della famiglia (non ne sono sicuro, ma probabilmente l'ultimo Tommaso) che aveva l'hobby della liuteria e del restauro. Così lui apriva strumenti, abbinava le loro parti con altre parti, incollava all'interno vecchie etichette... tanto che i famosi Linarols probabilmente non sono autentici, lo stesso per la viola Gasparo (che ha un moderno manico a quattro corde, tra l'altro) e molti altri strumenti.

Nessuna notizia entusiasmante, quindi, direttamente dai musei di Vienna, ma tante storie emozionanti da leggere.

Disegno di daniela gaidano

Com'è difficile individuare il perfetto Violoncello da Spalla, ma una cosa è certa: è di una bellezza mozzafiato!!


Ulteriori letture:

Sono un archettaio, risolvo problemi


Intervista con Antonino Airenti, Archettaio in Genova

Partendo dal concetto che lo strumento, nel nostro caso un piccolo violoncello, fosse suonato con la tecnica più congeniale al musicista di turno, e non che fosse costruito con in mente un'idea precisa di "da gamba" o "da spalla", allo stesso modo dobbiamo supporre che detto musicista la suonasse con l'arco a cui era più avvezzo, cioè con il suo arco. Leggi di più…

Cosa suonare con il Violoncello da Spalla: Evaristo Felice Dall’Abaco

Dall’Abaco era un virtuoso di Violoncello. Ma in che modo lo suonava?

Evaristo Felice Dall'Abaco è stato un violoncellista e violino concertatore italiano di Verona.

Ha iniziato a studiare violino nella sua città natale. Il suo talento fu presto riconosciuto, così fu mandato a studiare con Tommaso Antonio Vitali, il famoso violinista. Quando tornò, fu acclamato come virtuoso violoncellista. Si crede anche che sia un allievo di Torelli. Leggi di più…

Cosa suonare col Violoncello da Spalla: Antonio Caldara

È generalmente accettato che in Veneto (nord Italia), Austria, Baviera e Boemia un violoncello piccolo con cinque o quattro corde (in quest'ultimo caso accordato G2 D3 A3 E4, cioè un'ottava sotto il violino) fosse popolare  durante tutto il XVIII secolo. Leggi di più…


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

Il nostro viaggio viennese è stato ricco di incontri, ciascuno molto istruttivo ed emozionante. Riteniamo di aver imparato molto e dobbiamo ammettere che siamo anche orgogliosi dei nostri risultati. Non solo facendo Violoncelli da Spalla, ma suscitando anche l'interesse per questo strumento. Le persone ci incontrano con entusiasmo e questa è la migliore ricompensa.

Abbiamo incontrato prima Sigiswald Kuijken, che era a Vicenza per un concerto. Ha provato entrambi i nostri strumenti, il modello Wagner e l'ultimo di Alessandro realizzato su nostro modello personale. È stato di supporto, entusiasta e ha condiviso buoni consigli. Ho potuto provare entrambi i suoi violoncelli e confrontare tutti quei piccoli dettagli che fanno la differenza nella suonabilità.

Sigiswald kuijken prova i violoncelli da spalla di visintini e gaidano

con Sigiswald Kuijken, provando e discutendo il modello Wagner

A Vienna abbiamo incontrato Jun Keller, caposezione dei 1° violini della Filarmonica di Vienna, geniale designer di archi. Siamo stati in contatto da prima della pandemia, scrivendoci in un gruppo WhatsApp di cordai che ha formato. Abbiamo parlato di corde e, ancora, di suonabilità e di quei piccoli dettagli che aumentano la sensazione di comfort quando si suona uno strumento e che aumentano la risposta di una corda. Abbiamo anche ascoltato un concerto dei Wiener Phil. che le parole non possono definire, abbiamo avuto la pelle d'oca e le lacrime tutto il tempo.

Infine, al Conservatorio di Graz, abbiamo incontrato Dario Luisi, l'uomo che mi ha informato dell'esistenza del Wagner originale a Lubecca. È stato contento di provare la mia “copia”, e quando tre dei suoi “allievi” (che in realtà sono tutti insegnanti di violino e stanno studiando violino barocco con lui) sono entrati nella stanza, abbiamo fatto una piccola festa provando lo Spalla. Non posso perdonarmi per non avere una foto di quel momento, piena di risate, gioia, domande e sguardi luminosi. 

Jun. Keller e Dario luisi provano i violoncelli da spalla visintini gaidano

Jun Keller e Dario Luisi provano il modello Wagner

Ora ci sentiamo sopraffatti dalla bellezza di tutta l'arte che abbiamo visto in queste ultime tre settimane e profondamente grati per tutti questi incontri. Ci hanno dato energia! Abbiamo ancora tre settimane di impegni diversi prima di impegnarci di nuovo a tempo pieno in laboratorio, e desideriamo ardentemente quel momento!


Video in primo piano della settimana

Dopo tutta questa eccitazione, ho bisogno di questo meditativo “Ancor che col partire” di Rho Terakado


Tags

museo, ricerca, Vienna, violoncello da spalla


You may also like

Girovagando

Girovagando

Aperto per ferie!

Aperto per ferie!
{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350