Marzo 26

Cosa suonare sul tuo violoncello da spalla: Antonio Caldara

... e dove possiamo trovare di più!

È generalmente accettato che in Veneto (nord Italia), Austria, Baviera e Boemia un violoncello piccolo con cinque o quattro corde (in quest'ultimo caso accordato G2 D3 A3 E4, cioè un'ottava sotto il violino) fosse popolare  durante tutto il XVIII secolo. Le raccolte musicali di questo periodo e di questi luoghi quindi sono buone miniere per noi. Autori noti come Caldara, Benedetto Marcello, Bononcini o anche Vivaldi e Tartini hanno pubblicato opere per "violoncello” che, grazie all'uso ampio e virtuosistico della gamma alta degli strumenti, si adattano bene alle nostre cinque corde da spalla. Così bene, in realtà, che in alcuni casi potrebbero essere stati scritti pensando proprio a un piccolo violoncello a cinque corde.

Personalmente mi piace avvicinarmi a uno strumento utilizzando le fonti didattiche del periodo.

A questo link qui sotto:

https://digital.onb.ac.at/RepViewer/viewer.faces?doc=DTL_8835088

puoi trovare 44 brevi brani di Antonio Caldara. Sono studi didattici per violoncello e basso, che esplorano l'intera gamma di uno strumento GDAE, rimanendo in una comoda prima posizione.

In un altro manoscritto della stessa provenienza, c'è una Sinfonia a Violoncello solo dello stesso Antonio Caldara, che è, appunto, una sonata per violoncello e basso continuo. Ecco il link:

https://digital.onb.ac.at/RepViewer/viewer.faces?doc=DTL_7358560&order=1&view=SINGLE

Comprende solo il registro acuto dello strumento, non hai nemmeno bisogno della corda sol. Cioè, possiamo suonarlo senza usare alcuna corde a doppia filatura! In altre parole un solista potrebbe evitare di preoccuparsi se le sue corde del basso non funzionassero così bene! Come i 44 pezzi corti sopra, è tutto comodo nella prima posizione.

Antonio Caldara (1670-1736) è stato un famoso compositore (principalmente di musica lirica e vocale) e violoncellista, nato a Venezia e figlio di un violinista. Nel libro dei musicisti pagati a San Marco figura come Viola da Spalla oltre che violonzino e contralto. Successivamente, a Praga, ha collaborato con Tartini e Vandini.

La sua principale collezione di musica strumentale, le 16 sonate per violoncello e basso, si trova nel castello di Wiesentheid. Quell'opera è solo il gioiello in cima a una vasta collezione di musica, raccolta da un nobile violoncellista dilettante, il conte Rudolf Franz Erwin von Schönborn-Wiesentheid, che commissionò musica per violoncello a molti compositori italiani della prima metà del XVIII secolo come Vivaldi, Platti , Zani e molti altri. La sua collezione è oggi la più importante fonte di musica barocca per violoncello.

I manoscritti nei due link sopra, invece, provengono dalla collezione estense (della famiglia Este) di Vienna, quindi probabilmente provengono dalla raccolta di musiche di un altro nobile violoncellista dilettante, Nicolò Sanguinazzo, di Padova (stesso periodo del conte Schönborn) . L'intera collezione (musica, manoscritti e strumenti) fu acquistata dal Conte Obizzi e successivamente trasferita alla collezione d'arte di Augusta, che ora si trova a Vienna.

vignetta di Sergej Malov che suona il violoncello da spalla

Questi due nobili avevano in comune la passione per il violoncello, il fatto che commissionavano musica che potevano suonare, e che entrambi possedevano violoncelli di varie dimensioni: grande accordato in Do, piccolo accordato in G, e Schönborn possedeva anche un violoncello a cinque corde.

Sanguinazzo era anche violinista e compositore, che si definiva "dilettante di violoncello": è peculiare che le sue composizioni siano talvolta in tre versioni: violino, violoncello e tenore, e le tre parti strumentali hanno la stessa precisa diteggiatura modello. Le sonate per tenore non scendono sotto la corda di Sol. La musica che ha commissionato era per violino o per violoncello GDAE. Possiamo ipotizzare che abbia suonato quel violoncello nella posizione da Spalla?

Considerando che la musica veniva stampata senza specificare una precisa destinazione di strumenti e veniva quindi suonata con quelli disponibili, esattamente come si suonava uno strumento con la tecnica “disponibile”, entrambe queste due raccolte musicali sono per noi una miniera d'oro per un prezioso repertorio.


Novità dal mondo da Spalla
Questa è stata una settimana tranquilla e non ho molto da riferire su questa sezione.

Se sei a conoscenza di un evento in cui viene presentato un violoncino da spalla, o stai ospitando un evento del genere e vuoi essere presentato qui, scrivici qui, su Facebook o attraverso il nostro sito web, che è www.violoncellodaspalla.it


Aggiornamenti dal nostro laboratorio
Una settimana tranquilla anche qui nel nostro laboratorio di Meltina, che si trova in Alto Adige, all'estremo nord dell'Italia. La primavera sta finalmente arrivando, il ghiaccio si sta sciogliendo e i primi fiori stanno sbocciando. È stato un lungo inverno e dobbiamo uscire e ritrovare la nostra forma!

Siamo molto contenti del suono del violino in bianco di Alessandro e stiamo procedendo con la rifinitura del Wagner. Ho dipinto dei filetti sulla parte superiore (e non credo che lo vorrò mai più fare!), ed ho iniziato a fare la tastiera e la cordiera. L'originale li ha di legno di prugna e ho trovato questa splendida prugna a Rivolta. È duro e leggero e ha un profumo gradevole.

Video in primo piano della settimana
In questo video Koji Otsuki esegue un suo arrangiamento di una Sonata a 3 di Purcell. La voce del suo violoncello da spalla copre con disinvoltura la gamma di contralto e tenore, lo strumento perfetto per una sonata a 3


Tags

accordatura, biblioteche, esecuzione, repertorio, violoncello da spalla


You may also like

A caccia di originali

Belle custodie per violoncello da spalla

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350