Aprile 30

Sono un Archettaio. Risolvo problemi

0  comments

Intervista con Antonino Airenti, Archettaio in Genova

Partendo dal concetto che lo strumento, nel nostro caso un piccolo violoncello, fosse suonato con la tecnica più congeniale al musicista di turno, e non che fosse costruito con in mente un'idea precisa di "da gamba" o "da spalla", allo stesso modo dobbiamo supporre che detto musicista la suonasse con l'arco a cui era più avvezzo, cioè con il suo arco. Così, invece di cercare un arco "su misura" per il violoncello da Spalla, sono partito dagli archi che già avevo in casa, preferendo tra questi un arco da viola piuttosto lungo, ma che dovevo usare ad altissima tensione. Nel frattempo ho ordinato un arco per violoncello al mio amico Antonino Airenti, lasciandolo libero di decidere modello e caratteristiche. Ho ricevuto un arco modello Sam 077, che ho trovato un ottimo punto di partenza per la nostra futura indagine.

Antonino, raccontaci la storia di questo arco e perché me lo hai proposto.

Grazie per la tua domanda Daniela, questo mi dà l'opportunità di spiegare il mio metodo di lavoro oggi. Sì, ho detto "oggi". Quando ho iniziato a costruire archi (dopo molti anni di liuteria), pensavo che il mio lavoro fosse solo “fare archi”. Credo di avere fatto buoni archi per molti anni. Ma un giorno ho avuto un cambiamento: mi sono sentito non solo un artigiano ma parte della complessa filiera della produzione musicale. Ho capito che non ero solo un costruttore ma uno che cerca di capire le esigenze di un musicista e cerca una soluzione adeguata. Cerco di vedermi come Mr Wolf in "Pulp fiction" di Tarantino.

Da quel giorno, ho fatto archi migliori.

Antinino Airenti Archettaio per violoncello da spalla

Anche Antonino Airenti, esperto archettaio genovese, fa parte di una squadra di cani da soccorso

Parliamo del “nostro” arco per Da spalla. Non sta a me addentrarmi nella questione della coerenza storica dello strumento. Ho semplicemente cercato di capire come un arco potesse aiutare un piccolo strumento a produrre note basse: abbastanza rigido da muovere corde piuttosto pesanti ma abbastanza leggero da essere suonato da spalla, abbastanza lungo da suonare note lunghe ma abbastanza corto da permettere l'agilità richiesta . Sicuramente, pensavo, con il nasetto a clip perché solo questo sistema può garantire una ricca emissione di armoniche (e questa potrebbe essere la mancanza di un piccolo violoncello). Il secondo passo è stato scegliere un modello (tra tutti gli originali che conoscevo) con tutte queste proprietà. L'arco “sam77” conservato al Kunshistorisches Museum Wien è stata la mia scelta. Si tratta di un arco italiano dei primi del XVII secolo, probabilmente parte delle collezioni Obizzi del castello del Catajo, e abbiamo anche alcune testimonianze del suo utilizzo fino al XVIII secolo. L'ho fatto in legno di serpente e te l'ho mandato.

Antonino Airenti Archettaio violoncello da spalla

Antonio Gianlisi il giovane (1677-1727), pinacoteca comunale di Cremona - from Antonino’s blog

Il mio prossimo arco lo hai progettato confrontando l'arco da viola, un po' troppo leggero e morbido, con l'arco da violoncello, che aveva un bel suono profondo ma non era molto incisivo e agile. Potresti dirci come ci sei arrivato e su quale modello hai basato l'arco che mi hai realizzato (che, per inciso, ho trovato subito molto facile, espressivo ed efficace).

Non avevo mai visto suonare lo strumento prima, quindi quando l'ho fatto, ho capito che avevi bisogno di un arco con un equilibrio che ti rendesse più facile suonare in posizione da braccio. Mi sono ispirato all'arco lungo di Tartini, che è un arco che ha sempre dato a me e ai miei clienti grandi soddisfazioni.

Un'altra idea geniale, aggiungerei, essendo Tartini così vicino all'ambiente in cui prosperava il violoncello da spalla.

caricatura Daniela Gaidano

Un buon arco fa il lavoro per mantenere il tuo suono concentrato, così puoi concentrarti sulla trasmissione del tuo messaggio musicale

E' vero. Non hai smesso di pensare come migliorare. Dopo alcuni mesi, quando ti ho contattato per ordinare un arco per un cliente, mi hai sorpreso inviandomi due archi un po' diversi dai miei. Erano così belli e concentrati che volevo tenerne uno per me, ma quando il cliente li ha visti, li ha presi entrambi! Non resistendo, ne ho ordinato una anch'io! Dicci di più su questo!

È vero. Non ho smesso di pensare a come fare meglio. Ho considerato le tue impressioni sull'arco in legno serpente, e ho provato diversi legni (storicamente usati in Italia sia nel XVI che nel XVII secolo): il sorbo può esaltare le frequenze armoniche dei bassi meglio di altri legni che ho provato (pero, susino o bosso). Naturalmente, a causa della minore densità, lo spessore del bastone è molto maggiore rispetto all'arco in legno di serpente.

archi per violoncello da spalla Antonino airenti

Quindi, alla fine, questo arco può ancora essere considerato un'opzione storica o ci siamo ritrovati con un'abitudine?

Bene, preferirei considerare un manufatto "storicamente informato" che storico. Vi prego di credere che, nell'incessante evoluzione che caratterizza il periodo barocco, il “custom made” era probabilmente la regola.

disegno di Daniela Gaidano

Come ti senti quando ti arriva per posta un arco di Antonino?

Consiglio vivamente la lettura del blog di Antonino: non esitate a mettervi in contatto con lui attraverso il suo sito:

https://baroquebows.airenti.it/


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

Sono a casa dei miei genitori in Piemonte, cercando di rallegrare un po' mia madre mentre mio padre è in ospedale per un intervento chirurgico. Sto scrivendo un testo per il nostro sito web in costruzione, imparando a suonare il Wagner con il mio favoloso arco nuovo, e mi alleno quasi ogni giorno con mia madre: devo tornare in forma dopo la pandemia, e lei deve mantenersi così!

workshop visintini Gaidano violoncello da spalla

Alessandro è a casa, iniziando la finitura del suo ultimo violino e portando avanti un buon lavoro sul nuovo violoncello da Spalla.


Video in evidenza della settimana

Qui in Piemonte è primavera, ma in realtà fa freddo e piove, e la musica lirica e meditativa di questo video risuona con me. Dai un'occhiata, è bellissimo suonare.

Alessandro Stradella, di Yun Kim Fernandez e François Fernandez


Tags

accessori, archetteria, archetto, liuteria, repertorio, ricerca, tartini, violoncello da spalla


You may also like

Gli Hoffmann sono falsi?

Gli Hoffmann sono falsi?
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350