Giugno 5

Repertorio: G. B. degli Antonii – I bassi filati semplici funzionano – La voce del Wagner

Questo numero non seguirà il solito formato, poiché questa settimana è così lontana da qualsiasi formato abituale che sento l'urgenza di condividere tutte le notizie in una volta. Non posso tenere questi tre problemi separati!

Hai già il sommario nel titolo, quindi cominciamo subito!


Cosa suonare sul Violoncello da Spalla: Giovanni Battista degli Antonii

Giovanni Battista degli Antonii (1636 - 1698) ha pubblicato a Bologna nel 1687 “Recercate sopra il violoncello o clavicembalo”, op.1

G.B. degli Antonii ricevette la sua educazione musicale dal padre, organista e compositore, e prese in tenera età il posto del padre come trombonista nel Concerto Palatino, il gruppo di fiati bolognese tanto spesso avversario della Cappella di San Petronio (che era costituita principalmente da voci con un gruppo di archi) per i privilegi di suonare in cerimonie importanti. Per un breve periodo fu anche componente della Cappella di San Petronio, fino a quando non fu licenziato da Cazzati che voleva un ensemble diverso, e tentò più volte di essere riammesso come organista. Fu anche membro dell'Accademia Filarmonica di Bologna. Era, in altre parole, proprio al centro e nel periodo in cui il Violoncello appariva sulle scene.

Degli Antonii Bologna Violoncello da spalla

Noi troviamo scritto in Mark Vanscheeuwijck:

I dodici Ricercate sopra il violoncello o clavicembalo dell'organista e trombonista bolognese Giovanni Battista Degli Antonii (166-1698), stampati nel 1687, sono stati considerati le prime composizioni mai pubblicate per violoncello solo. Ora sappiamo che la parte stampata del violino è andata perduta e che la Biblioteca Estense possiede un manoscritto con il Ricercate per il violino, che è la parte per violino di questi duetti. Entrambi i libri parziali sono stati recentemente pubblicati nel 2007 e i violoncellisti non dovrebbero più pensare a questi pezzi come a composizioni da solista. È sorprendente che nella Ricercata Ottava l'estensione della parte per violoncello sia C-c", un terzo o un quarto superiore a qualsiasi altra composizione per violino basso della fine del XVII secolo, il che potrebbe indicare che potrebbe essere stato previsto uno strumento a cinque corde.

Ma anche, sempre da lui, in un'opera precedente:

Degl'Antonii, credo, stava proprio pensando a un violoncello da spalla a cinque corde.

violoncello da spalla bologna

Il manoscritto originale delle Ricercate si può trovare qui:

https://imslp.org/wiki/Ricercate_sopra_il_violoncello_o'_clavicembalo%2C_Op.1_(Antonii%2C_Giovanni_Battista_degli)

consiglio la trascrizione a stampa moderna a questo link per la sua grande accuratezza:

http://shop.musedita.it/epages/192070.mobile/en_US/;ClassicView=1?ObjectPath=/Shops/192070/Products/DE101

Puoi acquistare un pdf scaricabile delle parti separate (il violoncello e quella per violino) e scegliere tra la versione cartacea della partitura o il pdf scaricabile.

violoncello da spalla Castel sant'angelo Roma

Roma, Castel Sant'Angelo, 1550 circa (grazie a Jurgen Wesser)

Ho acquistato con entusiasmo la parte di violino pensando di suonarla con mio marito flautista, ma dopo la prima lettura abbiamo scartato l'idea. Concordo pienamente con l'editore Alessandro Bares che scrive nei suoi appunti:

[sulla copertina della stampa originale] ...le parole “o clavicembalo” sono scritte molto più piccole di “sopra il violoncello”, solo per dirci che la prima destinazione di questa musica è il violoncello. Lo stile peculiare di questi brani per violoncello solo, e alcune figurazioni di basso (ovviamente destinate ad esecuzioni con clavicembalo), hanno fatto pensare ad alcuni musicisti che questa musica non fosse scritta per violoncello solo: si riconoscono facilmente alcuni inizi di temi (nello stile di ricercari polifonici o fughe) alternati a passaggi nello stile del basso continuo.

Sembrava evidente che una parte per un altro strumento (presumibilmente un violino) fosse andata persa.

E la parte “perduta” è stata ritrovata in un manoscritto [...]

Purtroppo l'entusiasmo per questa “scoperta” è cessato non appena è stata esaminata o eseguita la versione “ricostruita”: se la versione per violoncello solo può lasciarci un po' perplessi, la versione con violino è del tutto insensata. (In musicologia non si può dire “brutto”, ma è proprio questo che volevo dire). La parte per violino non ha nulla a che vedere con quello che ci si aspetta da una parte per violino scritta da un esponente della scuola emiliana (Corelli, Vitali, Bononcini, ecc.): non è altro che un pedante esercizio di contrappunto, scritto da un musicista sconosciuto che cercava di “completare” in modo molto maldestro pezzi che non erano affatto parti di basso continuo, e non avevano bisogno di essere completati. La fine del XVII secolo fu l'epoca d'oro della scuola emiliana, e le parti di violino erano caratterizzate da meravigliosa cantabilità e vivacità melodica. Entrambi mancano completamente in questa parte di violino.

[...] Penso che la versione con due strumenti non abbia niente a che vedere con G. B. Degli Antonii. Tuttavia, ho voluto pubblicarlo per divulgarlo e aiutare a diminuire le voci sulla parte di violino ritrovata.

Come ho detto, non potrei essere più d'accordo con A. Bares qui, e sono rimasto quasi scioccato dal carattere omoritmico quasi continuo della parte di violino con il violoncello. Dove mi aspettavo un fugato o un accenno di dialogo, niente. Davvero frustrante!

Questo mi ha completamente dissuasa sulla mia idea di registrare questo lavoro con le due parti. Ma trovo comunque molto piacevoli alcune di queste recercate per il nostro piccolo Violoncello da Spalla, e ve le consiglio caldamente se siete interessati a suonare musica originale per questo strumento.


Bassi filati semplici: una corda leggermente provocatoria per accendere una piccola rivoluzione

Da Mark Vanscheeuwijck, leggiamo: "per far funzionare strumenti così piccoli con l'accordatura a 8 piedi è indispensabile una corda a doppia filatura, ma non è documentata prima della metà degli anni '60". Puoi trovare la mia risposta dettagliata a questo nel mio precedente articolo qui.

Tuttavia, c'è qualcosa di significativo che è successo proprio questa settimana e deve essere considerato qui:

Sono in un gruppo WhatsApp con Eliakim Boussoir e altri produttori di corde o appassionati di corde, e stavamo discutendo di corde a doppia filatura, quelle corde in cui hai bisogno di un po' di peso in più, quindi le avvolgi due volte, cioè in due strati di filo. In questo modo, ottieni un nucleo minuscolo che trasporta molto peso metallico. Il suono di solito è facile ma un po' forte e metallico, a volte vicino al nasale. Anche se apprezzo la facile risposta, mi sono sempre sembrati privi di sostanza, di un carattere fondamentale e profondo della terra che mi piace nei bassi. Ma ho sempre accettato come prova che il violoncello da Spalla, essendo uno strumento molto accorciato, avesse bisogno di questo tipo di corde per funzionare correttamente.

mattonella violoncello da spalla

Ho iniziato a indagare sulla possibilità di bassi filati singoli su richiesta di Koji Otsuki, poiché le sue ricerche hanno attestato che Bach usava raramente i bassi, quindi forse non aveva quelli a doppia filatura. Ma ero ancora convinta che probabilmente li avesse, dato che Lipsia era al centro dell'evoluzione tecnologica in quel momento, e considerando anche che la corda Sol sul violoncello da spalla non è la corda con la risposta più veloce al mondo!

Quindi, quando Eliakim ha scritto che era convinto di poter realizzare quei bassi a singola filatura, non ho prestato molta attenzione. E quando me li ha proposti, visto che avevo poco tempo per preparare una presentazione per la settimana successiva, ho suggerito che probabilmente Koji li apprezzerebbe meglio di me. Ma li ha mandati comunque. A questo punto, non potevo ignorarli!!

Non mi aspettavo davvero che fossero così facili e convincenti! È riuscito a creare un nucleo in budello super flessibile, quindi il grande Do basso filato semplice ha un'emissione veloce, senza alcuno sforzo aggiuntivo rispetto a qualsiasi altra corda con nucleo in budello.

quartetto di viole 1609

Trovo questa una pietra miliare nell'accettazione della realtà storica del piccolo violoncello da Spalla. Questo è il motivo per cui ho messo tutti i miei sforzi questa settimana per realizzare questo video.

Per favore, non giudicate solo il mio modo di suonare o la mia interpretazione di Degli Antonii, ma pensate a cosa potreste fare con uno strumento come questo, come suonerebbe il tuo basso continuo, e come potrebbe suonare nelle parti obbligate di Bach... indecente?

Altre due cose da considerare sono che questo modello Wagner è eccezionalmente corto, lunghezza 40 cm, e che questa corda di Do è un prototipo avvolto con rame, più leggero e di calibro più grande dell'argento, con il quale la resa sarebbe sicuramente migliore!

Queste corde si possono ordinare a questo link.

https://www.atelier-boussoir.fr/les-cordes/


La voce di Johann Wagner, finalmente!

Beh, a dirla tutta, la voce del MIO Johann Wagner, che ho fatto del mio meglio per rendere il più possibile fedele all'originale, non per farne una copia perfetta esteticamente, ma facendo attenzione a stare vicino alle misure e al modo di realizzrlo. Ho anche, ovviamente, controllato le sue proporzioni armoniche, e mi piaciuto trovarle ovunque. È stato fatto con questa conoscenza.

Dirò di più sulla sua costruzione nel prossimo numero, poiché questo è piuttosto lungo e intenso. Nel frattempo, puoi goderti le immagini della realizzazione nel video qui sopra.

Mentre lo realizzavo, ho cercato di immaginare il risultato: come potrei accordarlo meglio, sarebbe in grado di suonare, così corto, con le corde standard a doppia filatura che usiamo per il Badiarov? 🤦‍♀️Mi aspettavo un suono nasale, magari begli acuti ma bassi non così entusiasmanti. Sono rimasta stupita quando ho sentito la sua voce. Ha bassi profondi, è molto uniforme nei passaggi da una corda a quella più vicina e i suoi acuti sono quelli di un brillante tenore. Non è un nobile ma un gioioso contadino, e mi diverto molto a suonarlo! Con un manico così corto, è difficile superare la terza posizione, ma la sua gamma è abbastanza ampia e piena di armonici. Non mi mancano affatto le posizioni alte. Il suo repertorio è comunque vasto, anche senza la sesta suite, e soprattutto se lo si considera un basso portatile per continuo, un vero e proprio strumento da ballo. Uno strumento pensato per godersi la vita e la musica.


L'iconografia della settimana: la vita quotidiana da Spalla

Un'altra cosa che è successa questa settimana è che tutti hanno iniziato a condividere su Facebook iconografie con violoncelli eccezionalmente piccoli, o viole eccezionalmente grandi, o violoncelli da Spalla. Ma queste immagini erano diverse da quelle “solite” perché non si collocavano in un contesto epico, elegante o sacro, ma nella quotidianità. A volte anche piuttosto divertente, ma senza dubbio, la vita di tutti i giorni.

Li ho usati per decorare questo articolo, grato a chi li ha condivisi. Erano tutti nuovi per me!

Sfortunatamente, è raro riuscire ad ottenere la fonte in quei post, quindi non so da dove provengano e apprezzerei e sarei grato per informazioni più precise nei commenti qui sotto, per favore!

Voglio finire qui con la mia vignetta su come è stata la mia settimana. Grazie per aver letto!

vita da spalla

Tags

corde, filate semplici, liuteria, repertorio, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Gli Hoffmann sono falsi?

Gli Hoffmann sono falsi?
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350