Maggio 21

L’eredità tutta italiana del design delle proporzioni armoniche

0  comments

Uhm… Cosa c’è dietro una dichiarazione così pomposa? È solo una teoria musicale di base, applicata a cose tangibili!

Dal 1997 al 2015 sono stato violista all'Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza.

Entrare in quel palco è qualcosa di straordinario che purtroppo non può essere immaginato dai turisti che visitano l'edificio o dal pubblico. All'inizio richiede un buon equilibrio (e tacchi non troppo alti) perché si cammina all'interno di uno scenario prospettico trompe l'oeil, quindi, in pratica, l'inclinazione del pavimento del corridoio d'ingresso è circa 25 gradi, e questo da sinistra a destra oltre alla solita inclinazione verso il pubblico. Quando entri, lo scenario è spettacolare: sei in un'antica piazza con un cielo azzurro, e il pubblico è seduto su grandi gradini rotondi (piuttosto scomodi), quindi vedi ogni singola faccia. Quando inizi a suonare è così nitido che fa quasi paura. Puoi sentire tutto, ma è così diverso da qualsiasi stanza o esperienza all'aria aperta che hai avuto. E questo perché questo teatro non è stato fatto per grandi orchestre e pianoforti a coda ma per mettere in scena tragedie greche e romane, che includevano anche della musica. Quindi nessuna ridondanza. Ogni singolo sussurro dal palco viene ascoltato chiaramente dall'ultima persona sul gradino più alto del teatro. Puoi sperimentarlo in ogni teatro romano o greco sopravvissuto.

teatro olimpico di Vicenza proporzioni armoniche

Il Teatro Olimpico di Vicenza, Italia, 

progettato dall'architetto Andrea Palladio utilizzando proporzioni armoniche

L'Accademia Olimpica di Vicenza, uno di quei gruppi di nobili e studiosi di cultura antica che hanno plasmato il Rinascimento italiano, commissionò il Teatro Olimpico al famoso architetto Andrea Palladio. Doveva essere incluso in un preesistente complesso medievale e doveva essere un teatro greco/romano, ma coperto. È il più antico teatro di questo tipo sopravvissuto fino ad oggi.

Il Teatro Olimpico fu costruito tra il 1580 e il 1584, e la serata inaugurale vide in scena l'Edipo re di Sofocle, con le musiche dei cori di Andrea Gabrieli. Le scene originali per quell'occasione, che rappresentano le strade di Tebe, sono quelle in cui gli artisti camminano ancora oggi.

Andrea Palladio è uno degli architetti più famosi dell'Italia rinascimentale, per secoli copiato all'estero, dalle ville palladiane nel Kent alla Casa Bianca a Washington. Per tre anni ha studiato a Venezia con Gioseffo Zarlino, teorico musicale e compositore, matematico, astrologo, teologo. Questa notizia non dovrebbe sorprenderci: la musica è il ponte che ha permesso loro di tradurre in realtà le speculazioni matematiche. In realtà, la speculazione non era affatto un concetto a quei tempi, poiché matematica, filosofia, teologia erano tutti gli approcci necessari per studiare la natura: la natura del mondo, la natura umana, la natura divina. E la musica era il codice che permetteva una traduzione tra loro. Quindi, per un architetto, la musica era un campo di studio importante quanto la matematica.


Gli sforzi di Zarlino erano tutti nel cercare di ottenere sulla terra la perfetta armonia delle sfere. Pitagora, usando un monocordo, scoprì come alcune note (ottava, quarta e quinta) fossero perfettamente corrispondenti a proporzioni matematiche (1:2, 2:3, 3:4). Ma le altre note usate in musica sono state ottenute applicando queste stesse proporzioni alle note risultanti (la seconda è 2:3 sulla quinta, per esempio), con la conseguenza che questo “giro di quinte” non si chiudeva perfettamente su l'ottava. Sono stati necessari alcuni aggiustamenti per consentire agli strumenti accordati dalle orecchie dei musicisti, che hanno applicato questo principio delle quinte, di suonare con strumenti ad accordatura fissa come i grandi organi da chiesa. È così che entrano in gioco i temperamenti. Zarlino si sforzò di stabilire una sorta di ordine in questo problema di accordatura e fu il primo a riconoscere l'importanza della terza, maggiore o minore, per stabilire la tonalità di un brano, in altre parole, per fissare un codice in una composizione. Zarlino, per semplificare, è spesso citato come il padre dell'armonia.

Vedere come l'Armonia, come sovrapposizione di note e “proporzioni matematiche” è Architettura? E perché Palladio ha cercato da Zarlino le sue solide conoscenze di grande architettura?

Quello che dobbiamo tenere a mente è che lo strumento per investigare l'universo non era un computer ma un monocordo. Le sostanziali proporzioni armoniche sono state trovate da Pitagora su un monocordo, ascoltando musica, ascoltando note consonanti. Per Pitagora musica e matematica non erano due cose distinte, ma proprio la stessa cosa, l'una (la musica) l'applicazione pratica dell'altra (la matematica), o meglio la musica era lo strumento per indagare la matematica (e, l'universo).

Le proporzioni armoniche significano proprio questo: proporzioni musicali, non pura matematica.

parlino e le proporzioni armoniche di palladio

La musica è il ponte che permette di tradurre dall'universo e dalla natura alla matematica, 

e dalla matematica alla natura e all'universo.

Un altro allievo di Zarlino fu Vincenzo Galilei, liutaio, padre di Galileo e uno dei fondatori dell'Accademia dei Bardi di Firenze, gruppo attraverso il quale gli storici della musica collocano la nascita dell'Opera, come tentativo di far rivivere la tragedia greca antica e la sua musica .


Se pensiamo alla musica come al dono che ci è stato dato per comprendere la natura e alla parola come il dono che Dio ci ha inviato per comunicare ed esprimere i nostri sentimenti, è abbastanza chiaro perché questi due campi di studio: quadrivio (matematica, geometria, astronomia, musica) e trivio (grammatica, logica, retorica), fossero le basi per avere accesso allo studio della teologia e della filosofia. Allo stesso tempo dovrebbe poi essere ovvio perché la tragedia greca e l'opera sono considerate le due più alte forme d'arte.

A Firenze, nello stesso entourage di Vincenzo Galilei, Giulio Caccini e Jacopo Peri, c'era un altro famoso architetto rinascimentale italiano: Leon Battista Alberti. Negli appunti per la costruzione del Sepolcro Rucellai scrive che le decorazioni della parte superiore devono essere mantenute ad intervalli musicali. Che, in linguaggio moderno, si traduce con armonico. Ma oggi abbiamo perso la connessione tra "armonioso" in quanto armonico e musicale, intendendo armonico solo "ben proporzionato". Non capiamo che quelle proporzioni fossero intese come proporzioni musicali, non proporzioni matematiche.

cosa significa proporzioni armoniche

L'antico testo che tutti questi architetti rinascimentali studiavano e a cui facevano costantemente riferimento

era il De Architectura di Vitruvio, lo stesso Vitruvio che ispirò a Leonardo “l'uomo vitruviano”...

Parlando in pratica: cos'è questo monocordo e come potrebbe aiutare nella progettazione di un palazzo (o di un violino)?

Semplice: prendi una corda lunga come unità di misura. Nel caso di un violino, naturalmente, prendiamo come unità la lunghezza delle corde. Nel caso di un edificio, potrebbe essere la porta, la lunghezza del quadrato su cui deve affacciarsi, o altri elementi rilevanti. Trova poi su questa stessa corda, sul monocordo, le altre note della scala: Quarta e Quinta pure, e, cosa più interessante, tutti gli altri intervalli con un'intonazione che ti piace, che suona bene al tuo sentimento... e al tuo temperamento 😉. Quindi usiamo per progettare il tuo violino (o palazzo) solo le lunghezze corrispondenti a questi intervalli. In questo modo, ci assicuriamo che il design sia armonico e che l'edificio o lo strumento abbiano un'ottima acustica.

tatto antico e violoncello da spalla

Quale strumento viene più naturale della musica per progettare un Violoncello da Spalla (o un teatro)?

Ma perché bisognerebbe progettare un violino con un monocordo? Perché uno dovrebbe preoccuparsi di farlo? Non basta, se non meglio, copiare uno Stradivari da un poster?

Per me è stimolante vedere che gli italiani hanno fatto largo uso di terze, seste e anche seconde e settime, mentre, ad esempio, i tedeschi hanno fatto largo uso di quinte e quarte. È entusiasmante l'idea che si possa dare carattere allo strumento applicando un temperamento. Soprattutto, è emozionante sapere che ogni misura aveva un significato, un significato musicale. E potrebbe essere passato al proprio apprendista insegnando una melodia. Non sono numeri ma musica!

Un poster ha enormi distorsioni dell'obiettivo e non è affatto affidabile per le misure! Controlla qualsiasi poster con le misure dello stesso strumento e non corrisponderanno! Fare una copia da banco, copiando da uno strumento importante che hai tu tra le mani, sul tuo banco è un ottimo esercizio per capire meglio un autore, i suoi strumenti, il suo processo di realizzazione... ed è molto più interessante se tutto è controllato con proporzioni armoniche, non per mera speculazione ma per poter replicare qualcosa, magari su scala diversa, come fare una viola più piccola da un tenore, o un violino più piccolo per qualcuno con le mani piccole... oppure, un violoncello piccolo da uno più grande.

Se, ad esempio, ci chiedi di avere un manico più corto, angoli più corti, o ff più lunghe, tutto questo non si ottiene indovinando e nemmeno con una calcolatrice, ma studiando i vecchi strumenti, le proporzioni che usavano, e attraverso il monocordo applicandoli allo strumento che dobbiamo realizzare.

progettazione violoncello da spalla con design armonico

Nel nostro laboratorio di Meltina, in Italia, progettiamo strumenti utilizzando gli stessi strumenti che usavano gli antichi maestri.

Ciò che aggiunge a questa eccitazione è sapere che, prima di Stradivari, quando non avevano Stradivari da copiare 😛, era così che facevano. Se ci pensi un attimo, è così semplice, riduce gli strumenti di cui hai bisogno, usi le orecchie in modo musicale invece di fare matematica. Ti basta aprire il compasso ad un intervallo che si trova su un monocordo.

Ci sono trattati che spiegano le proporzioni degli strumenti musicali (Pablo Nasarre, 1723), e altri che affermano che un edificio dovrebbe essere progettato come uno strumento musicale, usando intervalli musicali (Leon Battista Alberti). Poi, dopo Stradivari, i liutai (e gli architetti) hanno dimenticato questa conoscenza ed hanno iniziato a fare copie!

Amo quando trovo un modo per rendere le cose più semplici e in un modo che sarebbe stato possibile in passato. E cosa c'è di più naturale che usare la musica per progettare uno strumento musicale?


Novità dal mondo da Spalla

Domani sera, 22 maggio alle 20 ora centrale europea, concerto in streaming del Väsen Duo, con Mikael Marin al Violoncello da Spalla e Olov Johansson al nickelharpa. Racconti e melodie folkloristiche per una notte davanti al camino (o in veranda se siete in un luogo caldo)!

https://fb.me/e/2UpqY0DUs


Aggiornamenti dal nostro atelier

Sono tornata a casa ora, quindi ho altro da condividere! Il nuovo violoncello da spalla sta prendendo forma, sembra quasi un vero violoncello!! Ops... 🤭 Mi sono divertita molto a fare il giunto del fondo con la nostra nuova pialla da banco, utilizzando un favoloso abete del Latemar, spaccato a mano con cunei da Luca Pozza. Luca è un violista dell'orchestra dell'Arena di Verona, lo conosco da quando ho suonato lì nel 2005: è stato il mio compagno di leggio alla mia prima serata. Ha anche fatto un po' di liuteria prima di iniziare un'attività di vendita di legno di risonanza, quindi mi affido totalmente a lui per l'abete di risonanza di qualità!

Il violino di Alessandro si avvicina al suo colore finale.

violino e violoncello da spalla alessandro visintini

Video in evidenza della settimana

Rilassatevi e godetevi questo Concerto di Vivaldi eseguito dal grande e unico Sigiswald Kuijken!


Tags

architettura, liuteria, ricerca, violoncello da spalla, vitruvio


You may also like

Gli Hoffmann sono falsi?

Gli Hoffmann sono falsi?
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350