Marzo 5

Quattro liutai in macchina (Su e giù per la Germania)

0  comments

Esattamente un anno fa, siamo usciti di casa in una di quelle mattine in cui avresti preferito sciare piuttosto che passare un'intera giornata in auto, ma avevamo un'avventura di ricerca che ci aspettava!

Non l'avevamo programmato prima ma per caso ci siamo fermati a pranzo a Mittenwald. Avevamo un antipasto di quello che ci aspettava: un sacco di cibo tedesco e un Oktavgeige che fa l'occhiolino all'ingresso del museo locale di liuteria.

Abbiamo fatto una breve sosta a Norimberga, dove il Museo Nazionale Germanico mostra una notevole collezione di strumenti di produttori locali (tra loro grandi violoncelli, piccoli violoncelli, viole tenore, ...) e una delle migliori collezioni di arte tedesca.

E finalmente siamo arrivati ad Amburgo, per prendere i nostri amici: Takumi Takakura dal Giappone e Paul Shelley dall'Inghilterra. Ci siamo conosciuti nel 2018 attraverso un network di liutai incentrato su da Spalla e ospitato da Dmitry Badiarov. Abbiamo coltivato un rapporto più stretto in seguito nella mia iscrizione a Gut Strings Guru, ma questa era la nostra prima volta insieme. Molto emozionante!

Dopo un mese di pianificazione e attesa, eravamo finalmente in viaggio insieme! Alessandro ha guidato per tutto il percorso. Stavo pianificando, guardando mappe e leggendo documenti (era divertente ed essendo tutti nella stessa automobile, abbiamo iniziato a trovare sul web documenti che non ancora visti prima!). Paul era impegnato a imparare nuove cose tecniche e Takumi condivideva con entusiasmo fantasiosi snack giapponesi con il nostro Schüttelbrot altoatesino.

Prima tappa, Lubecca, per studiare il violoncello piccolo Johann Wagner al St. Anna Museum. Questo strumento non è considerato qualcosa di speciale nonostante il suo manico originale (che ci ha reso così curiosi di pianificare l'intero viaggio). Non è in mostra e la curatrice Bettina Zöller-Stock è rimasta piuttosto sorpresa dal nostro interesse. Ci ha dato il più caloroso benvenuto (con un po 'di marzapane al cioccolato molto speciale, tipico di Lubecca!) E ci ha lasciato con il Wagner per un'intera giornata.

Sapendo che il suo manico è corto come quello di un violino, ci aspettavamo qualcosa di simile a Frankenstein. L'occhio invece non si offende affatto perché le sue proporzioni armoniche vengono osservate con molta attenzione. Non è uno strumento di artigianato di alto livello ed ha alcune caratteristiche tipiche della costruzione popolare, ma è stato realizzato da un liutaio esperto e di lunga data perché, d'altra parte, è molto preciso, per niente il lavoro di un dilettante. Mi fa pensare che a metà del XVIII secolo ci fosse una richiesta di questi strumenti; non era solo una "curiosità" tentata da Bach e dal suo amico, ma una componente standard in ensemble di musicisti itineranti o intrattenitori all'aperto.

Poi ci siamo diretti a Lipsia, dove abbiamo ricevuto un'accoglienza entusiastica da Veit Heller e ci siamo goduti una lunga chiacchierata con lui. Avevamo molte domande, come: gli Hoffmann sono originali? Perché sembrano così diversi l'uno dall'altro? Come e quando sono stati modificati? Non aveva solo risposte ma molte informazioni e storie appassionate da raccontarci! (c'è di più nel mio ultimo articolo, qui).

È stato emozionante per noi confrontare, fianco a fianco, il nostro modello Badiarov con l'originale Hoffmann, e tutti abbiamo notato quanto siano simili, nonostante sia il modello Badiarov più elegante.

Il Museo di Lipsia espone diversi strumenti "non convenzionali" dal XVI al XIX secolo. Hanno un “Violoncello da Spalla”, di L. Arcangioli, Firenze 1825, che sembra uscito da un dipinto di Dalì. Un violoncello piccolo, cinque corde, di C. G. Klienger 1775, e un violino tenore, sei corde (!), Di G. Picinetti, Firenze, 1682. È uno di quei musei in cui una settimana non sarebbe ancora abbastanza ...

Avevamo poi diversi piani per i giorni successivi, che, in realtà, non tutti sono andati a buon fine come i due precedenti. In parte eravamo già stanchi e carichi di informazioni da digerire, in parte perché  si stava diffondendo l'allerta covid.

Siamo andati ad Eisenach, al Museo di Bach, che ha in mostra alcuni strumenti del “periodo” di Bach. È più un museo di curiosità, con alcuni buoni pezzi ma non molto amichevoli per i ricercatori. Purtroppo il responsabile della raccolta è stato via tutta la settimana, ma ci è stato detto che potevamo comunque vedere lo strumento nelle vetrine dell'esposizione. Quello che non ci è stato detto è che la sala con la raccolta è aperta solo mezz'ora al giorno, durante i concerti dimostrativi. Per caso siamo arrivati puntuali, abbiamo fatto del nostro meglio per non disturbare il concerto con i click delle nostre telecamere, ma non è stata una visita così piacevole ed utile.

Siamo quindi andati a Norimberga, ma le restrizioni per la pandemia hanno imposto l'annullamento del nostro incontro con il curatore del museo. Abbiamo potuto solo visitare la collezione, porre domande al telefono al curatore Klaus Martius ed acquistare alcuni progetti tecnici. Abbiamo poi girovagato per un paio di giorni alla ricerca di legni e attrezzi, ma senza grande successo. Siamo arrivati fino al confine con la Repubblica Ceca a sud, e poi abbiamo lasciato i nostri amici a Monaco, diretti a casa con la minaccia dei più severi controlli covid! Tuttavia, non ce n'era nessuno in arrivo. E, fortunatamente, siamo rimasti tutti sani anche dopo il viaggio!

cosa abbiamo ricavato da questo viaggio?

- essere esposti a questa vasta gamma di strumenti, tutti denominati violoncello, è stato un buon ripasso e un ricordo da guardare sempre con mente aperta e la curiosità di un bambino. È troppo facile scaricare qualcosa con l'etichetta di stravagante, folk o falso.

- se ci chiedessero di fare un buon violoncello da Spalla dopo gli originali nei musei, qualcosa di molto simile a quello che Bach aveva in casa ... finiremmo con un modello di Badiarov. Guardando gli originali, abbiamo potuto apprezzare tante caratteristiche comuni e, soprattutto, soluzioni rispettose per quei dettagli che necessitano di una soluzione diversa, tutte realizzate con antica conoscenza del design e vestite con eleganza. Se abbiamo iniziato il nostro viaggio con l'idea di cercare qualcosa di diverso, più “storico”, siamo tornati a casa totalmente convinti del valore del modello Badiarov come realizzazione rispettosa e storicamente informata di questo strumento.

- il valore del gruppo: siamo così grati di aver potuto fare questo viaggio insieme. Abbiamo condiviso idee, conoscenze, documenti, risate, pasti e anche stanchezza (beh, a dire il vero, Paul non sembrava mai stanco, poteva continuare a fare casting durante la notte nella sua stanza d'albergo, anche dopo un'intera giornata in giro, una cena e poche birre!). Nonostante gli imprevisti siamo arrivati a casa con un carico di conoscenze maggiore del previsto.

Siamo stati davvero fortunati ad avere avuto una tale esperienza prima dell'anno di blocco che è seguito.

Grazie amici, vi siamo molto grati!


Ps: ho menzionato l'antica conoscenza del design?

Questo numero è già abbastanza lungo quindi non mi ruberò altro spazio per spiegare in dettaglio di cosa si tratta. In poche parole: sei mai stato in uno di quei teatri antichi all'aperto come i teatri greci o i romani? Lì c'è un'acustica perfetta. Se qualcuno sta sussurrando sul palco, tu ascolti con chiarezza dall'alto dei gradini sul lato opposto. Se suoni lì, non hai affatto bisogno di forzare nonostante sia all'aperto e puoi sentire tutto ciò che ti circonda. Come ci sono riusciti? Utilizzando proporzioni armoniche, cioè intervalli musicali misurati su un monocordo, per impostare le proporzioni dell'edificio. E cosa c'entra questo con i violini? I violini sono stati progettati nello stesso modo prima di Stradivari. Nessuno sa perché ma questa conoscenza poi è andata persa e le copie erano più di moda degli originali. Questa è una storia che va dai trattati del XVII secolo all'epoca palladiana fino a Vitruvio e ancora di più agli antichi greci ...

Novità dal mondo da Spalla


Bene, questa sembrava essere una settimana tranquilla, non ho notizie da condividere questa volta. Se lo fai, o vuoi essere presente qui, contattaci!

Aggiornamenti dal nostro laboratorio

Alessandro si è infortunato alla caviglia questa settimana, presto starà bene, ma abbiamo passato del tempo in ospedale invece che in officina. Tuttavia, il Wagner sta iniziando a prendere forma. Ha già il pavimento e il tetto (e sì, niente forma e niente zocchetti alle punte).

Video in primo piano della settimana


Questo, che considero il video più leggendario di tutti: Terzo concerto Brandenburghese con tre Violoncelli da Spalla: Sigiswald Kuijken, Ryo Terakado, Dmitry Badiarov.


Tags

germania, liuteria, lubecca, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Gli Hoffmann sono falsi?

Gli Hoffmann sono falsi?
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350