Aprile 16

Aiutare a fare musica ed arrivare così vicino a dove accadono i miracoli musicali

Koji Otsuki al violoncello da spalla: è da un amore sincero per il lavoro di J. S. Bach che è nato lo strumento perfetto per insegnare e comunicare sul palco

La mia passione sono sempre state le opere di J.S. Bach.

Amo tutto ciò che è Bach (non tanto con i suoi figli, però), e produco anche le mie magliette di Bach usando il suo manoscritto come elemento di design principale. Ma ciò che mi entusiasma di più come musicista è eseguire le cantate di Bach come direttore d'orchestra con i musicisti che rispetto e ammiro: posso aiutare a fare musica e arrivare così vicino a dove accadono i miracoli musicali.

Da appassionato di cantate da chiesa di Bach, ho conosciuto quelle parti di violoncello piccolo obbligato. Tuttavia, ogni volta che in gioventù pianificavo e organizzavo concerti di cantate di Bach, evitavo quelle cantate perché non era facile trovare lo strumento (qualsiasi violoncello a cinque corde, se è per questo). Ma quelle arie di violoncello piccolo obbligato e i movimenti corali sono molto affascinanti o straordinariamente belli (o entrambi!), e ho sempre voluto eseguire le cantate che lo richiedono.

Quando ero insegnante di direzione in un'università di Filadelfia, dopo aver conseguito il master in Direzione di coro, ho sentito il bisogno di partire per immergermi nello studio pratico di Bach. E sono andato a Tokyo per studiare con Masaaki Suzuki, un esperto di Bach e direttore fondatore del Bach Collegium Japan di fama internazionale.

Poi ho incontrato il fratello minore di Masaaki, Hidemi Suzuki, il violoncellista principale dell'ensemble di suo fratello a quel tempo. Mi ha davvero cambiato la vita. Il suo modo di suonare il continuo era come nient'altro; quando l'ho visto suonare il continuo, era come se potessi percepire visivamente la musica. E mi ha fatto capire che suonare bene il continuo può far suonare meglio tutti gli altri. Un eccezionale continuista è davvero come un quarterback eccezionale (probabilmente la posizione più cruciale in tutti gli sport). Mi ha totalmente affascinato.

J. S. Bach disegno Daniela Gaidano

Ho sentito per la prima volta dal vivo il suono del violoncello da spalla in uno dei workshop di Hidemi a Tokyo nel dicembre 2005. Dmitry Badiarov era l'ospite dell'evento e ha fatto una presentazione con una breve esecuzione dei movimenti solistici di Bach sul suo strumento. Il suono e la possibilità dello strumento si sono radicati in me in quel momento. Ma a quel tempo mi stavo ancora riprendendo dal danno finanziario dell'acquisto di un violino barocco un paio di anni prima, e non mi è nemmeno venuto in mente di trovare un modo per acquistare lo strumento.

Andando avanti velocemente al 2010, ero tornato a scuola dopo essere rientrato negli Stati Uniti da Tokyo. Era il momento in cui stavo procrastinando, dopo aver terminato il mio corso di dottorato in musica antica, per qualificarmi per la candidatura al dottorato a Bloomington, Indiana, USA. Avrei presentato la proposta progettuale finale per scrivere una relazione teologico-musicologica sulle cantate di Bach, ma sono stato scoraggiato dai professori di musicologia ad approfondire l'argomento a causa della difficoltà di ottenere buone prove.

Koji Otsuki violoncello da spalla Badiarov

Durante l'estate di quell'anno ero nel sud del Vermont come bibliotecario musicale a un festival internazionale di musica da camera. Attualmente sono un dipendente di questa organizzazione per tutto l'anno ma allora ero solo uno staff del festival estivo. Quella era già la mia settima estate al festival. Un giorno mi sono goduto una conversazione con una violoncellista anziana mentre ero al lavoro nella libreria musicale. Abbiamo parlato di Bach. Poi qualcosa l'ha spinta a dirmi che possedeva una viola pomposa costruita dal bisnonno. Ha descritto lo strumento e i miei occhi devono aver brillato: ha poi portato lo strumento da casa sua per mostrarmelo qualche giorno dopo. Era esattamente come lo strumento J.C. Hoffmann del Museo degli strumenti musicali dell'Università di Lipsia. Non aveva corde suonabili ed era dotato di un moderno arco per violoncello. Ma lei mi ha portato delle corde usabili per questo, e ne sono diventato ossessionato. Quell'estate mi ha affidato il suo strumento-tesoro. Dato che non era dotato di tracolla ne ho dovuto realizzare una ad hoc con una corda rosa che ho trovato. Ho controllato le confezioni delle corde che ha portato per capire il produttore e gli ho ordinato un set completo. Alla fine dell'estate lo strumento è diventato in qualche modo suonabile e il violoncellista senior è stato molto felice di vedere che il suo strumento veniva suonato di nuovo e che io sembravo così felice. Alla fine mi ha permesso di tenerlo per l'anno e la mia ossessione per lo strumento è aumentata. Allora suonavo ancora il violino barocco, ma non mi ero mai considerato veramente uno strumentista: dirigere mi veniva naturale mentre non mi sentivo molto a mio agio a suonare. Ma con il violoncello da spalla ho davvero sentito che finalmente trovavo la mia voce. È stato così divertente da suonare. E mi ha fatto capire che può realizzare due dei miei sogni: uno è suonare il continuo e l'altro eseguire cantate con la parte di violoncello piccolo!

Koji Otsuki Violoncello da spalla Badiarov

Restituirle lo strumento nell'estate del 2011 è stato molto difficile. Ma è stata così gentile da permettermi di tenerlo per un altro anno, dicendo che dovrei fare qualcosa al riguardo se lo amo così tanto. Così mi sono dato da fare. Ho contattato diversi liutai per cercare di ordinarlo, ma alla fine andare da Dmitry è stata l'opzione giusta per me e all'inizio di ottobre del 2012 sono andato a trovarlo all'Aia per ricevere il mio strumento. È stato un viaggio di due giorni così veloce da Filadelfia ai Paesi Bassi!

Ora lo considero il mio strumento principale. Non ricevo né cerco spesso l'opportunità di suonare in pubblico, ma mi esibisco di tanto in tanto. Il modo in cui mi ha fatto lavorare finora, però, è semplicemente straordinario. Non mi sono mai sentito a mio agio a tenere masterclass e lezioni con il mio violino e l'archetto in mano per dimostrare le cose, ma è divertente insegnare con il violoncello da spalla. Posso accompagnare uno studente di violino/viola per sottolineare l'armonia e posso suonare in duo con uno studente di violoncello. È diventato il canale attraverso il quale fluiscono la mia passione e la mia conoscenza. Alla fine mi ha portato in diversi posti in Giappone, Taiwan e Cina per incarichi di insegnamento/esecuzione. Sono stato visiting professor a breve termine presso un'università locale delle arti in Giappone nell'autunno 2018 e ho insegnato Bach agli studenti di strumenti ad arco per due mesi interi esclusivamente sul violoncello da spalla. Dal momento che non insegno le tecniche strumentali ma piuttosto insegno gli idiomi, i contesti e i concetti musicali barocchi, mi sono trovato molto bene, poiché non era né il violino, né la viola, né il violoncello normale.

Koji Otsuki violoncello da spalla Badiarov

Ora sai che ho procrastinato un decennio per finire il mio dottorato. Sono imbarazzato! Bene, grazie al processo lento, sono stato in grado di scegliere il soggetto su cui amavo lavorare: il violoncello piccolo di Bach! E non avrei davvero potuto farlo senza il violoncellista senior al festival estivo di musica da camera nel sud del Vermont, l'eccellente libro di Hoffmann uscito nel 2015 e l'unica e sola, Daniela Gaidano!

Ripercorrendo l'intero processo di ricerca e scrittura, oggi, sono convinto che il violoncello piccolo di Bach NON fosse un tipico violoncello da spalla di dimensioni a quel tempo. Certo, c'erano quei violini tenore, ma erano senza la corda DO: la corda DO è ciò che ha reso gli strumenti Hoffmann identificabili come violoncelli. Vale a dire che Bach considerava lo strumento delle dimensioni di Hoffmann significativamente più piccolo di ciò che il termine violoncello significava allora (incluso violoncello da spalla) - da qui il termine violoncello PICCOLO. I violoncelli erano disponibili in diverse dimensioni, forme e numero di corde, ma il termine violoncello piccolo può essere trovato solo nei materiali di Bach durante la sua vita, da nessun'altra parte - è vero, non è storicamente accurato chiamare un violoncello a cinque corde un violoncello piccolo. Credo che Bach abbia specificamente richiesto un violoncello insolitamente piccolo delle dimensioni di Hoffmann nelle sue cantate, non un violoncello da spalla. Perciò personalmente mi piace chiamare il mio Badiarov un violoncello piccolo.

Sono anche convinto che Bach NON intendesse che la VI suite per violoncello solo fosse suonata su uno strumento delle dimensioni di Hoffmann. La cronologia accettata delle suite per violoncello non corrisponde a quella del violoncello piccolo. La scrittura della suite n. VI non assomiglia alla scrittura idiomatica per il violoncello piccolo delle cantate da chiesa, o almeno così credo. Ho sentito dire che la VI suite ha un accordo in sarabanda che può essere suonato solo su uno strumento così piccolo. Tuttavia, ho ascoltato molti violoncellisti suonare quel particolare accordo su strumenti a cinque corde tenuti verticalmente in modo bello e perfetto. Sembra quasi impossibile posizionare contemporaneamente tutte e quattro le dita per quell'accordo specifico su un violoncello a cinque corde più grande. Ma se dici che devi fermare tutte e quattro le corde dall'inizio alla fine dell'esecuzione dell'accordo, in pratica stai dicendo a un violinista dalle mani piccole che non dovrebbe suonare le sonate e le partite per violino solo. Inoltre, secondo l'articolo del National Geographic del numero di settembre 2019, Bach aveva mani enormi. Non avrebbe avuto bisogno di uno strumento così piccolo per suonare le sue suite per violoncello.

Koji Otsuki Violoncello piccolo Badiarov

E' storicamente corretto eseguire qualsiasi repertorio di violoncello barocco sul violoncello da spalla di dimensioni Hoffmann? Mmm, non lo so, davvero. Sono contrario all'idea di utilizzare lo strumento delle dimensioni di Hoffmann per il repertorio del violoncello barocco? Ovviamente no! Sono tutto per esso! Mi occupo di performance storicamente informate, ma non facciamo rievocazioni storiche; facciamo musica! L'odierno violoncello da spalla ha, grazie alla moderna tecnologia, un'eccellente corda di Do che probabilmente gli attuali strumenti Hoffmann non avevano. Perché non utilizzare al meglio questo strumento unico ed attraente!?

Koji Otsuki violoncello da spalla Badiarov

Koji Otsuki 

Philadelphia, April 2021

per leggere la dissertazione di Koji sulle cantate di J. S. Bach’s, click here:

https://scholarworks.iu.edu/dspace/handle/2022/25325


Aggiornamenti dal nostro laboratorio


Oggi abbiamo sistemato i nostri due ultimi strumenti! Vi presentiamo il Wagner ed il violino in bianco di Alessandro. Solo alcune note qui:


Video in primo piano della settimana


In questo video, inedito fino ad ora, un'espressione pratica del miracolo del fare musica: violoncello grande e violoncello piccolo che cantano insieme. I nostri più sentiti ringraziamenti a Koji Otsuki


Tags

amore, bach, esecuzione, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Gli Hoffmann sono falsi?

Gli Hoffmann sono falsi?
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350