Settembre 3

Il Violoncello da Spalla ha vissuto una vita sotterranea fino al XX secolo?

0  comments

Ci sono così tanti originali realizzati nel 20° secolo nei musei che è difficile ignorare la domanda

Questo è più un articolo di domande che di risposte e apprezzerei ricevere risposte (o più domande) nei commenti!

Nel marzo 2020 abbiamo fatto un viaggio in Germania, visitando diversi musei, e ci siamo fermati a pranzo a Mittenwald. Abbiamo visitato il piccolo museo lì, e proprio all'ingresso, dietro il banco di accoglienza, c'è una vetrina con un piccolo violoncello a quattro corde.

Museo Mittenwald

Il paesino di Mittenwald, in Baviera, è da tempo un importante centro di liuteria

ed è riccamente decorato, spesso con soggetti musicali.

Piccolo come il nostro, vale a dire circa 45 di corpo. Abbiamo chiesto: "Ma cos'è?" E l'uomo all'ingresso ha risposto come fosse lo strumento più comune al mondo, "è un Oktavgeige!". Lo strumento è stato realizzato nel 1940. Per chi? In quale ensemble, in quali occasioni è stato utilizzato?

Oktavgeige Mittenwald

L'Oktavegeige nel museo di Mittenwald, realizzato nel 1940

Nell'articolo più volte citato, Agnes Kory, enumera diversi strumenti in musei costruiti nel XX secolo e non catalogati come violoncello per bambini:

Sette strumenti di Zorzi, Firenze, realizzati tra il 1900 e il 1914, lunghezza del corpo compresa tra 52,5 e 54,7 cm, sono conservati nei Musei di Milano e Firenze e catalogati come controviolino intonato GDAE.

Nel museo di Parigi c'è un violoncello a cinque corde del XIX secolo prodotto a Mirecourt, lunghezza del corpo di 58,5 cm, e un altro realizzato a Barcellona nel 1933 da Ramon Parramon, lunghezza del corpo di 53,5 cm, quattro corde. Entrambi hanno nervature tra 8 e 9 cm.

Nel museo di Markneukirchen hanno cinque strumenti realizzati tra la seconda metà del XIX secolo e il XX secolo: le fasce sono comprese tra 4 e 8, tre di più nella gamma della viola, una nella gamma del violoncello piccolo e una nel mezzo. Le lunghezze del corpo sono comprese tra 45,4 e 47,5.

Da spalla Germania 1920

Dal museo MIM di Bruxelles, una foto della Germania del 1920.

Antichi strumenti a volte sopravvivono dietro le quinte della cultura ufficiale.

Questi strumenti non corrispondono alle misure standard del quartetto classico del XX secolo. Sono nel mezzo. Siamo cresciuti in un conservatorio, quindi abbiamo studiato la cultura musicale ufficiale e non abbiamo mai sentito menzionare questa taglia media. Eppure si tratta di strumenti recenti, qualcosa che facilmente i nostri nonni avrebbero incontrato. Ma in quale occasione? Solo nella musica popolare? Nell'Hausmusik? Chiaramente avevano un mercato. Chi farebbe uno strumento senza senso solo per farlo entrare in un museo?

Violoncello da spalla a Meltina con il coro della chiesa

Lo scorso Natale abbiamo suonato per i festeggiamenti in chiesa con il piccolo coro di Meltina, il nostro paese.

Quando sono arrivata a una prova con il mio violoncello da spalla, il capo del coro, senza alcuna espressione di sorpresa,

mi ha semplicemente detto: tu lì, con la Große Bratsche. Tu aiuti i tenori. Nessuna sorpresa.

È possibile che noi, cresciuti nella miope tradizione classica ufficiale, abbiamo perso gran parte della storia? O che il violoncello piccolo (o violoncello tenore), invece di scomparire sotto la pressione della cultura musicale classica ufficiale, ha semplicemente fatto un passo di lato?

il violoncello da spalla secondo una caricatura di Daniela Gaidano

Aggiornamenti dalla nostra officina

Ora abbiamo due violoncelli da spalla in lavorazione. Ognuno di noi sta lavorando al suo progetto. Io sono partita dal manico, mentre Alessandro ha deciso di partire dalle fasce, quindi non abbiamo bisogno di usare sempre le stesse morse. Lavorare in due sulla stessa tavolo e con gli stessi strumenti richiede una certa coordinazione, ma immagino che la nostra vita di orchestrali ci abbia addestrato per questo. Non dimenticare di seguire i nostri progressi su Instagram!

Visintini Gaidano violoncello da spalla makers

Una notizia un po' fuori tema: Alessandro questa settimana è stato impegnato in quanto la sua orchestra sta accompagnando le fasi finali del Concorso Busoni, importante concorso pianistico che si tiene qui a Bolzano ogni due anni. Da 43 anni è l'ottavino e il secondo flauto dell'orchestra.

Se volete, potete seguire la prova finale questa sera alle 20.15 CEST (GMT +2) a questo link (suonerà solo nel concerto di Rachmaninov 3, con il primo candidato):

https://www.busoni-mahler.eu/competition/it/pagina-busoni-it/

flauti dell'orchestra Haydn di Bolzano e Trento

La sezione di flauti dell'Orchestra Haydn pronta per il concerto!


Audio in primo piano della settimana

Da un post sul blog di Maria Popova:

Un giorno di pieno inverno, poco prima che la pandemia paralizzasse il mondo, Clemency Burton-Hill, una DJ di un garage sotterraneo londinese diventata conduttrice della BBC e direttrice creativa della più antica stazione radio pubblica americana di musica classica, e amante di Bach per tutta la vita, ha subito un'emorragia catastrofica al lobo frontale sinistro. Aveva trentanove anni, i suoi figli uno e cinque. Sopravvisse, ma rimase incapace di vedere, muoversi o parlare. [...] Molteplici interventi chirurgici e settimane di riabilitazione hanno iniziato a ripristinare la comprensione e la vista di Clemency, ma il lato destro del suo corpo è rimasto paralizzato e il suo linguaggio è stato annullato. Lentamente, lentamente, le parole ricominciarono a formarsi dalla materia primordiale della mente. [...] All'inizio, con la sua vita così brutalmente trasformata, trovava difficile persino ascoltare la sua musica, sentendo in essa gli echi della sua vita precedente e del suo sé precedente. Ma alla fine è arrivata a vedere Bach per quello che era sempre stato e sarebbe sempre stato: la colonna sonora esistenziale della vitalità stessa.

[…] Con le sue parole conquistate a fatica, invita le voci di persone provenienti da vari ceti sociali, persone che suonano Bach ogni giorno a muoversi attraverso le proprie vite molto diverse e diversamente impegnative.

Dalla stessa Clemency: “È stato così difficile persino ascoltare il mio amato Bach negli ultimi 18 mesi, ma mentre gradualmente, amorevolmente, trovo la strada per tornare a Bach, è così stimolante e confortante, persino rassicurante, sapere che nel frattempo, ogni minuto di ogni giorno, qualcuno sta suonando la sua musica da qualche parte su questo pianeta. Che possa continuare a lungo”

Come dice il violista Robin Ireland: "È un'incredibile fortuna essere un musicista in tempi difficili, perché è una fonte di connessione continua con la vita e il conforto"

Provo una profonda gratitudine per suonare e creare uno strumento così strettamente connesso a Bach

A questo link qui sotto, disponibile solo per altri 19 giorni, il lavoro di Clemency:

https://www.bbc.co.uk/sounds/play/m000ytzj?fbclid=IwAR318LasGbv-SZj0XjVsWrljAIu7KGrlENq8dHaUABslRRHB6E294vkDoc



Tags

liuteria, mittenwald, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Girovagando

Girovagando
{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350