Luglio 9

Gli Hoffmann sono falsi?

0  comments

Falsi o falsi del XIX secolo, consideriamo questa idea da un punto di vista più vicino

Alla fine dell'estate del 2019, abbiamo completato il nostro primo Violoncello da Spalla e abbiamo deciso di fare un viaggio per prendere una decisione. Siamo andati a Utrecht per un simposio di violino barocco, in modo da poterlo mostrare a quante più persone possibile e avere feedback, e sulla via del ritorno ci siamo fermati a Bruxelles per vedere e misurare un originale.

Festival musica antica utrecht

Utrecht, 2019. Mostrando il nostro primo Violoncello da Spalla a Sigiswald Kuijken e Richard Gwilt

Ci sembrava ovvio partire da Bruxelles, perché lì è iniziata anche la rinascita di Sigiswald Kuijken e Dmitry Badiarov. Il Museo degli Strumenti Musicali conserva un originale J. C. Hoffmann, quello stesso Hoffmann amico di Bach e poi citato con lui come co-inventore della “viola pomposa”. Beh… devo ammettere che a prima vista eravamo davvero delusi. Non si può certo dire che sia uno strumento bellissimo. La vernice è scura e opaca, e il manico originale, ancora lì con i suoi due chiodi, è stato modificato in forma e angolo moderni. Chiaramente, chiunque abbia svolto il lavoro non è stato pagato abbastanza per farlo con amore. La vernice sul manico è molto scadente e i lati della tastiera (moderna) sono verniciati con quella che sembra una lacca nera a buon mercato.

Alessandro visintini e il violoncello piccolo j. Ch. Hoffmann bruxelles

Alessandro with the Brussels’ MIM viola pomposa by Hoffmann

Pochi mesi dopo, siamo andati al Museo Grassi di Lipsia per vedere il loro Hoffmann e, con nostra sorpresa, questo era bellissimo! Manico moderno gravemente deformato, ma vernice brillante e traslucida.
A prima vista, qualcuno con un occhio non allenato potrebbe essere sicuro di non avere nulla in comune. Tuttavia, quando li metti fianco a fianco, la loro stretta relazione è evidente. Abbiamo chiesto il parere di Veit Heller, uno degli autori del libro “Martin und Johann Christian Hoffmann” ed è stato molto sicuro nell'affermare che entrambi sono autentici.

Confronto violoncello piccolo j. Ch. Hoffmann Lipsia e bruxelles

I due Violoncelli da spalla di Hoffmann disponibili in Europa a confronto

Ha considerato:

1. Misure
2. Vernice
3. Etichette
4. Artigianato

1. Abbiamo le misure di cinque violoncelli piccolo/pomposa a 5 corde di Hoffmann (sullo stesso libro, pagina 213 - due dei quali sono andati perduti), e le loro misure sono così vicine da mostrare senza dubbio che sono state fatte usando la stessa forma. Differiscono di millimetri, cosa che succede anche lavorando con una forma.

2. La vernice è coerente con quella di altri strumenti coevi in bottega. La vernice traslucida brillante fu ad un certo punto sostituita da una scura e opaca, seguendo la moda degli strumenti boemi, che erano diffusi e apprezzati dal mercato. La sua opacità potrebbe essere stata esaltata con l'invecchiamento anche dall'ossidazione avvenuta cuocendo la vernice in un tegame di ferro (da Paul Shelley).

3. Etichette: Veit Heller ha passato più di un anno con tutte le etichette stampate e attaccate al muro davanti alla sua scrivania… finché non è riuscito a metterle in sequenza e identificare cosa era originale e cosa no. Quando Martin Hoffmann era in vita, le etichette venivano scritte in laboratorio. Quando l'anziano liutaio morì, Johann Christian commissionò etichette più eleganti a un calligrafo. È possibile seguire l'evoluzione delle etichette anche grazie ad un upgrade tecnologico nei pennini utilizzati: proprio in quegli anni a Lipsia fu introdotto un innovativo pennino realizzato in vetro, che dava una linea più regolare, simile a quella di una penna gel oggi. Dettagli su questo nel libro di cui sopra.

Etichette j. Ch. Hoffmann lipsia

4. Artigianato: Johann Christian Hoffmann era l'unico liutaio autorizzato a Lipsia. Il comune diede la licenza per questo lavoro ad un uomo e nella sua bottega assunse altri uomini per seguire le necessità di tutto il paese. Nella bottega di Hoffmann lavoravano regolarmente il fratello ed il figlio, insieme ad altri apprendisti. Quindi il fatto che la pomposa di Bruxelles sembri fatta da una mano meno esperta non è affatto una prova di una mancanza di autenticità. È infatti una caratteristica degli strumenti provenienti dalla bottega Hoffmann in quegli anni.

Daniela Gaidano e il violoncello piccolo di j. Ch. Hoffmann

Lipsia, Museo Grassi: Daniela realizza le sagome per gli angoli di Hoffmann

Mark Vanscheeuwijck porta sul tavolo altri due fattori per dire che questi strumenti non hanno valore storico.

1. Il manico
2. Non possono suonare accordati su un'ottava di violoncello senza usare corde a doppia filatura, che secondo lui furono inventate solo dopo il 1760.

1. È davvero un peccato che non abbiamo una viola pomposa di Hoffmann con il manico in condizioni originali. Tuttavia, sfortunatamente, questo stato è così comune per gli strumenti del XVIII secolo che avere il manico originale nella forma originale è una rara eccezione. Non credo che questo sia un buon motivo per escludere che gli Hoffmann vengano presi in considerazione come documenti di come si faceva la musica ai tempi (e in patria) di Bach.
2. Con un'anima alta ritorta e flessibile, possono suonare anche con una singola corda avvolta. E senza sforzi significativi, come mostro in questo video e ho già discusso in un numero precedente.

Una volta si diceva che l'Hoffmann di Berkeley fosse stato di proprietà di JS Bach, mentre uno di quelli perduti di Lipsia fu di proprietà di un Thomaskantor dal 1822 al 1892. Queste due ipotesi non provano nulla, ma la seconda è un dato di fatto e viene da molto prima che dilagasse la moda del Violoncello da Spalla, quindi difficilmente manipolabile per nessun motivo…

Confronto violoncello da spalla visintini Gaidano e j. Ch. Hoffmann

Alessandro e Veit Heller confrontano le misure dell'Hoffmann di Lipsia con il nostro primo violoncello da spalla.

La prossima settimana vi mostrerò come, falsi o meno gli Hoffmann, la storia non cambia… stay tuned!


Novità dal mondo da spalla

Queste sono solo le prime fasi di un personaggio appena nato. La prossima primavera pubblicherò un libro sul Violoncello da Spalla e sarà lui l'ospite, introducendo i lettori alla storia del nostro favoloso strumento!


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

La verniciatura dei due strumenti di Alessandro è terminata, ora hanno solo bisogno di un buon riposo prima di essere montati.

Verniciatura strumenti alessandro visintini

Video in evidenza della settimana


Questa settimana voglio condividere con voi un bellissimo concerto di Vivaldi, suonato da uno dei primi appassionati di da spalla Jesenka Balic Zunic. Divertiti!


Tags

bach, corde, germania, liuteria, ricerca, violoncello da spalla


You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350