Giugno 25

Primo impatto con il violoncello da spalla

Creare una relazione duratura in pochi secondi

La scorsa settimana ho tenuto una presentazione sul mio Violoncello da Spalla Wagner al Conservatorio di Musica di Bolzano. È stata un'esperienza appagante perché tutte le persone erano interessate a modo loro. Nessuno di loro era lì solo per ascoltare una conferenza musicale. Erano lì per curiosità e informazioni. Ho parlato davanti a dodici persone: si potrebbe pensare che fosse un numero ristretto, e sicuramente lo era, ma questo ha permesso di stabilire relazioni, che sono molto più preziose di un mucchio di contatti email. Quattro erano insegnanti di conservatorio, altri due erano cantanti e cembalisti, e facevano domande tecniche e di repertorio. E infine, due violinisti ed erano lì per provare. Uno ci stava già pensando ed era informato, e l'altro era solo mosso da estrema curiosità ed entusiasmo.

Ho avuto l'opportunità per la prima volta di osservare qualcuno che cercava di suonare un violoncello da Spalla non solo per curiosità e coraggio (oh, cos'è, lasciami provare), ma perché era interessato e voleva avere successo. E ho notato qualcosa di straordinario.

I due ragazzi erano infatti diversi, l'uno dall'altro. Uno era alto, spalle grandi e mani grandi già abituato al suono barocco e alle corde di budello. L'altro era minuscolo, con esperienza solo su strumenti moderni. Avevo con me due strumenti e due archi, quindi hanno iniziato a provare nello stesso momento. Ovviamente ho dato loro qualche indicazione sulla posizione, su come usare la tracolla e su come tenere lo strumento per non conficcarsi l'arco nel naso. La memoria muscolare è una cosa potente e si mette sempre in mezzo, costringendoci a sollevare il manico e la mano sinistra per raggiungere una posizione più violinistica. Quindi, per entrambi, il primo minuto è stata una lotta contro le vecchie abitudini posturali e un uso da tempo metabolizzato della mano destra. Ma lo strumento e l'arco stavano reagendo, e per un momento sembrò che quella sera non si potesse trovare un linguaggio comune. Sapevano che era possibile perché mi hanno sentito suonare entrambi gli strumenti durante la presentazione, quindi non dovevano accettare facilmente un fallimento.

Tuttavia, c'è stato un momento di delusione in cui probabilmente entrambi hanno abbandonato le loro aspettative. In quel momento si sono rilassati. È stato solo un secondo in cui la loro posizione è cambiata, il loro corpo è cambiato e il suono è uscito. Uno di loro divenne tremendamente serio, l'altro aveva gli occhi ridenti! Ed è stato proprio nel momento in cui, uno a me e l'altro ad Alessandro, hanno chiesto: dove posso comprare uno di questi?

Più tardi a casa, stavamo ancora parlando di come il loro rapporto con il violoncello da Spalla si sia evoluto allo stesso tempo, come per entrambi non ci siano voluti più di tre minuti per passare dal conflitto alla disponibilità aperta, e come al momento giusto lo strumento abbia risposto con la sua voce piena e calda.

Come violista non do mai per scontato il rapporto con uno strumento. La “mia” viola era probabilmente la quinta che possedevo. A volte non riusciamo a trovare quella relazione e iniziamo a pensare che sia solo uno strumento per esprimerci. Uno strumento. Ho visto quella sera che il Violoncello da Spalla ha un talento per creare quel rapporto, anche con musicisti molto diversi. Richiede un po' di attenzione e rispetto, ma lui ricambia generosamente e prontamente.

Sono grata di aver potuto assistere al momento in cui è nato il rapporto tra il musicista e lo strumento.


Aggiornamenti dal nostro laboratorio

La nave scuola Amerigo Vespucci che passa davanti al luogo di vacanza dei miei genitori in Liguria, Italia

Esatto, ci stiamo godendo una breve vacanza. Siamo in Liguria e l'incredibile nave all'orizzonte è Amerigo Vespucci, la nave scuola della Marina Militare Italiana. Abbiamo colto l'occasione per visitare il nostro amico Antonino Airenti per mostrargli i nostri violoncelli e provarli con diversi archi e corde.

Alessandro visintini e Antonino airenti

Alessandro con Antonino Airenti e sua moglie Paola

mentre esaminano il nostro primo Violoncello da Spalla prima di provare diversi archi.

Nel campo di addestramento cinofilo gestito da Paola vicino a Genova.


Video in primo piano della settimana

Rilasciato questa settimana, Sergey Malov suona una sonata per violoncello di Beethoven. Divertiti!


Tags

esecuzione, fornitura, violoncello da spalla


You may also like

Gli Hoffmann sono falsi?

Gli Hoffmann sono falsi?
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Get in touch

Name*
Email*
Message
0 of 350